Inps: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione degli assegni per il nucleo familiare 2017-2018

Inps: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione degli assegni per il nucleo familiare 2017-2018

E’ stata pubblicata la Circolare Inps 18 maggio 2017, n. 87, avente ad oggetto “Corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare. Nuovi livelli reddituali per il periodo 1° luglio 2017-30 giugno 2018”.

Con la Circolare in oggetto si rende noto dell’avvenuta rivalutazione dei livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare. Come stabilito dalla Legge n. 153/88, i livelli di reddito familiare per la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare vengono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’Istat, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente.

La Circolare n. 87 informa che, secondo i dati Istat, tra l’anno 2015 e l’anno 2016, la variazione percentuale dell’Indice dei prezzi al consumo è risultata pari a -0,1%. Posto che la percentuale di adeguamento delle prestazioni previdenziali e assistenziali e i parametri ad esse connessi non può mai essere inferiore a zero, i livelli di reddito in vigore per il periodo 1° luglio 2017–30 giugno 2018 restano invariati rispetto a quelli dell’anno precedente.

Alla Circolare in questione sono state allegate le Tabelle contenenti i nuovi citati livelli reddituali, nonché i corrispondenti importi mensili della prestazione, da applicare dal 1° luglio 2016 al 30 giugno 2017, alle diverse tipologie di nuclei familiari. Gli stessi livelli di reddito dovranno applicarsi per determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione.


Related Articles

Previdenza sociale: le proposte Inps per la riforma del Sistema pensionistico

“Non per cassa ma per equità”: questo lo slogan scelto dall’Inps per esprimere il principio guida che ha ispirato la

Entrate tributarie: lo “split payment” porta nelle casse oltre 700 milioni di Euro in più nel I semestre 2015 rispetto al 2014

Aumentano di 747 milioni di Euro (+1,5%), rispetto al 2014, le entrate dell’Iva nel I semestre 2015. Lo si apprende

Patrimonio netto Inps: la Corte dei conti stima un risultato negativo per 1,7 miliardi nel 2016

“Per effetto di un peggioramento dei risultati previsionali assestati del 2016 (con un risultato economico negativo che si attesta su