Acquisti beni e servizi P.A.: aggiornati i prezzi di riferimento per le forniture di carta

Acquisti beni e servizi P.A.: aggiornati i prezzi di riferimento per le forniture di carta

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha pubblicato il 5 ottobre 2017 sul proprio sito istituzionale la Delibera n. 975 del 27 settembre 2017, che aggiorna i prezzi di riferimento della carta in risme precedentemente fissati da un analogo provvedimento n. 1006 del 21 settembre 2016.

Ricordiamo che quelli per la fornitura di carta erano stati i primi prezzi di riferimento, approvati dall’Authority in applicazione del Dl. n. 66/14, convertito con Legge n. 89/14, non afferenti all’ambito sanitario.

I prezzi fanno riferimento alle tipologie di carta più frequentemente acquistate dalle P.A., vale a dire:

  • carta formato “A4” in risme da 500 fogli grammatura da 80 a 84 g/mq in scatole da 5 risme;
  • carta formato “A3” in risme da 500 fogli grammatura da 80 a 84 g/mq in scatole da 5 risme.

I nuovi importi di riferimento, approvati dal Consiglio dell’Autorità nel corso dell’Adunanza del 27 settembre 2017, sono superiodi del 3,215% rispetto a quelli dello scorso anno.

Ricordiamo che questi parametri sono utilizzati per la programmazione dell’attività contrattuale della P.A e costituiscono il prezzo massimo di aggiudicazione, anche per le procedure di gara aggiudicate all’offerta più vantaggiosa, in tutti i casi in cui non è presente una convenzione stipulata ai sensi dell’art. 26, comma 1, della Legge 23 dicembre 1999, n. 488, in ambito nazionale ovvero nell’ambito territoriale di riferimento. I contratti stipulati in violazione di tale prezzo massimo sono pertanto nulli.


Related Articles

“Borse-lavoro”: se la finalità assistenziale è prevalente, l’Ente può non ricomprendere i relativi importi tra le spese del personale

Nella Delibera n. 14 del 28 febbraio 2018 della corte dei conti Molise, un Sindaco chiede un parere in ordine

Incentivi per funzioni tecniche: non possono essere corrisposti in rapporto ad attività di manutenzione ordinaria e straordinaria

Nella Delibera n. 5 del 24 gennaio 2017 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Procedimenti sanzionatori: gli errori riconducibili ai soggetti che svolgono i controlli non possono ricadere sugli operatori economici

Nella Sentenza n. 13653 del 2 dicembre 2015 del Tar Lazio, i Giudici affermano che gli eventuali errori in ordine