Appalti: divieto di commistione tra criteri soggettivi di qualificazione e criteri oggettivi di valutazione dell’offerta

Appalti: divieto di commistione tra criteri soggettivi di qualificazione e criteri oggettivi di valutazione dell’offerta

Nella Sentenza n. 40 del 15 gennaio 2018 del Tar Veneto, la questione controversa riguarda la legittimità degli atti di una gara indetta da una Ipab per l’affidamento del “Servizio di noleggio/lavaggio di biancheria piana e divise del personale dipendente e lavaggio degli indumenti personali degli ospiti e di articoli di proprietà dell’Ente”.

I Giudici veneti chiariscono che il divieto di commistione tra criteri soggettivi di qualificazione e criteri oggettivi di valutazione dell’offerta non risulta eluso o violato allorché, come nella fattispecie, gli aspetti organizzativi o di esperienza dell’offerente non sono destinati ad essere apprezzati in quanto tali – quindi in modo avulso dal contesto dell’offerta, come dato relativo alla mera affidabilità soggettiva – ma quale garanzia della prestazione del servizio secondo le modalità prospettate nell’offerta, cioè come elemento incidente sulle modalità esecutive dello specifico servizio e quindi come parametro afferente alle caratteristiche oggettive della proposta contrattuale. Inoltre, per quanto riguarda la questione delle incompatibilità dei Commissari e in tema di nomina della Commissione di gara, secondo i Giudici veneti non è dato rilevare alcuna incompatibilità tra Presidente della Commissione di gara e funzione di Responsabile unico, né del Dirigente chiamato ad approvare gli atti di gara. Questa posizione pare non aderire perfettamente a quella sostenuta dall’Anac della Delibera n. 1143/17, per cui l’incompatibilità del Rup deve essere valutata in base all’apporto decisionale nella definizione degli atti di gara, mentre il Dirigente che bandisce la gara (e logicamente approverà le risultanze della stessa) dovrebbe ritenersi incompatibile ai sensi dell’art. 77 comma 1 del Dlgs. n. 50/16.

Tar Veneto – Sentenza n. 40-2018


Related Articles

Controversie su restituzione canoni per installazione di mezzi pubblicitari: la giurisdizione è del Giudice tributario

Nella Sentenza n. 438 del 20 marzo 2017 del Tar Toscana, un’Associazione ed una Società presentano istanza di modifica delle

Incarichi dirigenziali a soggetti esterni all’Amministrazione: prima si devono considerare i dipendenti di Categoria “D”

 Tar Lazio, Sezione Prima Ter, Sentenza n. 3670 del 3 marzo 2015 Nella fattispecie in esame, i Giudici laziali osservano

Trasferimenti: disponibili gli importi attribuiti a Unioni e Comunità montane per lo svolgimento di funzioni di competenza statale

Con il Comunicato 23 novembre 2015, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha pubblicato le risorse finanziarie