Corresponsione di compensi professionali per le Avvocature interne degli Enti pubblici locali: il parere della Corte Friuli

Corresponsione di compensi professionali per le Avvocature interne degli Enti pubblici locali: il parere della Corte Friuli

Nella Delibera n. 53 del 25 luglio 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in materia di compensi professionali relativi alla gestione di controversie giudiziarie che abbiano avuto un esito favorevole all’Ente. La Sezione chiarisce che la riforma recentemente introdotta detta una disciplina completa per i compensi professionali degli Avvocati che prestano servizio presso le Avvocature interne di Enti pubblici.

Per poter procedere all’erogazione di tali compensi, occorre rispettare i tre limiti quantitativi relativi al trattamento retributivo individuale generale, al trattamento retributivo individuale specifico e al limite finanziario complessivo (per il caso di Sentenze favorevoli con compensazione di spese), nonché procedere ad un chiaro adeguamento dei contratti collettivi e dei regolamenti dell’Ente.  Ad ogni buon conto, l’Ente resta libero di fissare uno stanziamento di bilancio che, in considerazione anche delle sue complessive possibilità finanziarie, tenga conto di importi inferiori, avendo in ogni caso cura di procedere a detto stanziamento sulla base dei limiti quantitativi parametrati sui soli Avvocati iscritti all’Albo e dedicati esclusivamente alla gestione del contenzioso.


Related Articles

I nuovi artt. 39-bis, 39-ter e 39-quater del Dlgs. n. 165/01: le assunzioni obbligatorie

 Prima di analizzare le misure a sostegno della disabilità, introdotte dal Dlgs. n. 75/17, appare utile riassumere, seppure per grandi

Limiti di spesa del personale: distinta applicazione delle norme per l’Ente Locale e per la Società

Nella Delibera n. 94 del 30 novembre 2016 della Corte dei conti Liguria, la richiesta di parere riguarda la corretta

Onorari dell’Avvocatura dello Stato e delle Avvocature degli Enti pubblici

 Nella Delibera n. 44 del 16 febbraio 2016 della Corte dei conti Lombardia, richiamato l’art. 9, commi 3, 5, 6