Corresponsione di compensi professionali per le Avvocature interne degli Enti pubblici locali: il parere della Corte Friuli

Corresponsione di compensi professionali per le Avvocature interne degli Enti pubblici locali: il parere della Corte Friuli

Nella Delibera n. 53 del 25 luglio 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in materia di compensi professionali relativi alla gestione di controversie giudiziarie che abbiano avuto un esito favorevole all’Ente. La Sezione chiarisce che la riforma recentemente introdotta detta una disciplina completa per i compensi professionali degli Avvocati che prestano servizio presso le Avvocature interne di Enti pubblici.

Per poter procedere all’erogazione di tali compensi, occorre rispettare i tre limiti quantitativi relativi al trattamento retributivo individuale generale, al trattamento retributivo individuale specifico e al limite finanziario complessivo (per il caso di Sentenze favorevoli con compensazione di spese), nonché procedere ad un chiaro adeguamento dei contratti collettivi e dei regolamenti dell’Ente.  Ad ogni buon conto, l’Ente resta libero di fissare uno stanziamento di bilancio che, in considerazione anche delle sue complessive possibilità finanziarie, tenga conto di importi inferiori, avendo in ogni caso cura di procedere a detto stanziamento sulla base dei limiti quantitativi parametrati sui soli Avvocati iscritti all’Albo e dedicati esclusivamente alla gestione del contenzioso.


Related Articles

“Decreto P.A.”: al via la riforma della Pubblica Amministrazione, le numerose novità introdotte per gli Enti Locali dal Dl. n. 90

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 24 giugno 2014 il Dl. 24 giugno 2014, n. 90, recante “Misure

Province e Città metropolitane: Anci e Upi “accelerare i processi di mobilità per tutelare lavoratori e servizi”

Con il Comunicato 1º aprile 2015, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani e l’Unione delle Province italiane hanno invitato gli Enti

Reiterazione contratti a tempo determinato P.A.: implica diritto al risarcimento del danno ma non all’avvio di un tempo indeterminato

Nella Sentenza n. 27481 del 30 dicembre 2014 in questione, la Suprema Corte ribadisce che la violazione di disposizioni imperative