Corrispettivo per il servizio di Tesoreria: è esente o imponibile Iva al 22%?

Corrispettivo per il servizio di Tesoreria: è esente o imponibile Iva al 22%?

Il quesito:

Il corrispettivo per il servizio di Tesoreria rientra nel regime di esenzione ex art. 10 del Dpr. n. 633/72, oppure deve essere considerato imponibile Iva al 22%?

La risposta dei ns. esperti:

Salvo che non vengano richiesti particolari servizi, solitamente la Tesoreria comunale svolge un servizio Iva esente ex art. 10, n. 1), del Dpr. n. 633/72. Nel caso specifico, l’oggetto del contratto con la Vs. Tesoreria è “…complesso delle operazioni inerenti la gestione finanziaria del Comune e, in particolare la riscossione delle entrate e il pagamento delle spese facenti capo al Comune…

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Farmacie: legittimo decidere di collocarne una nuova in un’area già servita se l’entità della popolazione lo giustifica

Nella Sentenza n. 987 del 1° settembre 2016 del Tar Veneto, Sezione Terza, i Giudici si esprimono sulla fondazione di

Appalti: rinviata al 1º novembre l’entrata in vigore dell’obbligo delle Centrali di committenza per i Comuni non capoluogo

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 15 luglio 2015 la “riforma della scuola” (Legge n. 107/15) che, fra le

Finanza locale: rideterminate le spettanze 2014 dei Comuni alla luce delle novità in materia di esenzioni Imu sui terreni montani

In ragione della revisione dell’ampliamento delle esenzioni relative all’Imu sui terreni agricoli montani operata dalla conversione in Legge del Dl.