Edilizia scolastica: Conferenza Stato-Regioni dà il “via libera” alla costruzione di nuovi plessi con gli investimenti Inail

Edilizia scolastica: Conferenza Stato-Regioni dà il “via libera” alla costruzione di nuovi plessi con gli investimenti Inail

 

Si profilano all’orizzonte nuovi interventi per risanare e rinnovare l’edilizia scolastica. Ad annunciarlo, con una Nota pubblicata il 5 ottobre 2017 sul proprio sito http://italiasicura.governo.it/, è la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato lo schema del Dpcm.di attuazione dell’art. 1, comma 85, della Legge n. 232/2016 (“Legge di bilancio 2017”), relativo alla realizzazione di nuove Scuole finanziate con investimenti immobiliari Inail.

I 100 milioni stanziati per l’operazione sono stati suddivisi tra le 10 Regioni che si sono dette disponibili ad aderire all’operazione, sostenendo il canone che Inail richiede: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Sardegna e Umbria.

Come l’operazione “#scuoleinnovative”, sostenuta dal canone Miur e avviata nel 2015, anche questa è finalizzata alla realizzazione di nuovi edifici scolastici innovativi dal punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico, dell’efficienza energetica e della sicurezza strutturale e antisismica, caratterizzati dalla presenza di nuovi ambienti di apprendimento e dall’apertura al territorio.

Le Regioni individueranno le aree dopo aver aperto il confronto in merito con gli Enti Locali, e sceglieranno le procedure di affidamento delle progettazioni, anche tramite concorso.


Related Articles

Nuovo “Codice degli appalti”: dietrofront Anac-Mit, si applica ai bandi pubblicati a partire dal 20 aprile 2016

Le disposizioni introdotte dal nuovo “Codice degli Appalti” di cui al Dlgs. n. 50/16 riguardano i bandi e gli avvisi

Assunzioni Dirigenti ex art. 110 del Tuel: nell’avviso devono essere predeterminati i criteri di valutazione

  Nella Sentenza n. 195 del 30 aprile 2015 del Tar Umbria – Sezione Prima, la controversia riguarda la legittimità

“Fondo salario accessorio”: possibilità di incremento con le risorse non utilizzate l’anno precedente

La Corte dei conti Marche, con la Delibera n. 179 del 5 ottobre 2015, si è espressa in materia di