Ente Locale: attribuzioni patrimoniali a terzi

Ente Locale: attribuzioni patrimoniali a terzi

Nella Delibera n. 362 del 20 dicembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di parere in merito alla possibilità di cofinanziare un intervento di riqualificazione di una infrastruttura urbana allocata sul territorio comunale ma di competenza e di proprietà di altro Ente. Al riguardo, il rappresentante dell’Ente istante chiede “se il Comune può compartecipare ai costi di abbattimento delle barriere architettoniche della stazione metropolitana insistente sul territorio comunale”, considerato che la compartecipazione da parte del Comune, di entità non superiore al 20% del costo totale dell’opera, agevolerebbe la realizzazione della medesima da parte dell’Ente titolare della struttura, che lamenta di non avere le risorse sufficienti.

La Sezione precisa che, in base alle norme e ai principi della contabilità pubblica, non è rinvenibile alcuna disposizione che impedisca all’Ente Locale di effettuare attribuzioni patrimoniali a terzi, ove queste siano necessarie per conseguire i propri fini istituzionali e sempre che il contributo non sia finalizzato allo svolgimento di attività che rientrano nei fini istituzionali di altro Ente, destinatario dei finanziamenti necessari a perseguirli. Se infatti l’azione è intrapresa al fine di soddisfare esigenze della collettività rientranti nelle finalità perseguite dal Comune il finanziamento, “anche se apparentemente a fondo perso, non può equivalere ad un depauperamento del patrimonio comunale, in considerazione dell’utilità che l’Ente o la collettività ricevono dallo svolgimento del servizio pubblico o di interesse pubblico effettuato dal soggetto che riceve il contributo”. Presupposto di ogni forma di spesa pubblica è infatti la circostanza che essa sia funzionale a svolgere attività che rientrano nelle competenze dell’Ente Locale. Una volta effettuate le valutazioni sopra descritte, l’Amministrazione è tenuta ad evidenziare i presupposti di fatto e il percorso logico alla base dell’erogazione a sostegno dell’attività svolta dal destinatario del contributo, nonché il rispetto dei criteri di efficacia, efficienza ed economicità delle modalità prescelte di resa del servizio, anche nel rispetto, specie se destinatario del contributo è un soggetto di diritto privato, dei principi di buon andamento, di parità di trattamento e di non discriminazione che debbono caratterizzare l’attività amministrativa, così come declinati anche nell’art. 12 della Legge n. 241/90. Infine, l’eventuale attribuzione deve risultare conforme al principio di congruità della spesa mediante una valutazione comparativa degli interessi complessivi dell’Ente Locale.


Related Articles

Edilizia scolastica: determinati gli importi da escludere dal saldo del Patto di stabilità di Province e Città metropolitane

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, ha reso disponibile sul proprio Portale istituzionale

Trasparenza: varate le “Linee guida” Anac su accesso civico e nuovi obblighi di pubblicazione previsti dal “Foia”

 Il 29 dicembre 2016 l’Anac ha reso noto che il Consiglio dell’Autorità ha approvato le “Linee guida” per l’attuazione dell’accesso

Unioni e fusioni di Comuni: Bressa, “Il processo deve partire dal basso”

“Il processo di Unione e fusione dei comuni deve essere un processo desiderabile e attrattivo e lo si consegue attraverso