Esternalizzazione di un servizio da parte dell’Amministrazione: il personale interessato non può considerarsi cessato

Esternalizzazione di un servizio da parte dell’Amministrazione: il personale interessato non può considerarsi cessato

Nella Delibera n. 143 del 10 maggio 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Ente ha indetto una procedura aperta per l’esternalizzazione del Servizio di “Farmacia comunale”, in precedenza gestito direttamente con proprio personale dipendente. L’esternalizzazione prevede la concessione del servizio al soggetto aggiudicatario per la durata di 20 anni con il trasferimento del personale dipendente in capo al Concessionario con cessione dei contratti di lavoro. La concessione non prevede la clausola della reinternalizzazione del personale al termine della concessione ventennale. Pertanto, viene chiesto se, a seguito della cessione dei contratti di lavoro al Concessionario, l’Ente dovrà procedere

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Immigrazione: Anci, “Prefetture dirottino flussi migranti su Comuni che non fanno accoglienza”

Indirizzare i migranti verso i Comuni che si sono spesi meno per l’assistenza (o non lo fanno affatto) nel momento

L’Amministrazione provinciale è tenuta all’osservanza della disciplina di Finanza pubblica in materia di spesa di personale

Nella Delibera n. 327 del 13 ottobre 2015 della Corte dei conti Lombardia, il Presidente di una Provincia chiede se

La “famiglia di fatto” secondo le Sezioni unite della Cassazione

  Ancora una volta il Giudice, in assenza di una previsione normativa, è chiamato a pronunciarsi sulle c.d. “famiglie di