Gli Indicatori di anomalia a fini antiriciclaggio: nuovi adempimenti in arrivo per gli Enti Locali

Gli Indicatori di anomalia a fini antiriciclaggio: nuovi adempimenti in arrivo per gli Enti Locali

Con Decreto 25 settembre 2015 (in G.U. dal successivo 7 ottobre), il Ministero dell’Interno ha fornito agli Uffici delle Pubbliche Amministrazioni talune indicazioni in ordine al riconoscimento e disvelamento di operazioni “sospette” compiute da soggetti privati che entrino a vario titolo in contatto con gli Uffici dell’Amministrazione, in attuazione del Dlgs. n. 231/07 in materia di Antiriciclaggio e lotta al finanziamento del terrorismo.

Si tratta in breve dell’attuazione delle disposizioni del predetto Decreto legislativo con riferimento alla Pubblica Amministrazione, nei suoi rapporti con soggetti esterni alla stessa.

A tal proposito, il Decreto individua in primo luogo il “

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Gare pubbliche: per il Consiglio di Stato illegittimo l’inserimento in un’unica busta dell’offerta tecnico-funzionale ed economica

Nella Sentenza n. 731 del 17 febbraio 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici ritengono illegittima la lex specialis di

“Nuovo Codice”: pubblicata la proposta di “Linee guida” Anac per gli affidamenti sotto soglia

Il 6 luglio 2016 l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) ha pubblicato sul proprio sito istituzionale la propria proposta di “Linee guida”

Iva: trattamento ai fini delle Imposte indirette degli atti di redistribuzione di aree tra co-lottizzanti

Con la Risoluzione n. 56/E del 1º giugno 2015, l’Agenzia delle Entrate risponde ad un quesito avente per oggetto il