Immigrazione: in caso di revoca dell’accoglienza del richiedente protezione internazionale scatta la cancellazione anagrafica

Immigrazione: in caso di revoca dell’accoglienza del richiedente protezione internazionale scatta la cancellazione anagrafica

Con la Circolare n. 5 del 18 maggio 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha messo l’accento su una novità introdotta dall’art. 8, comma 1, lett. a)-bis, del Dl. n. 13/17 in materia di protezione internazionale e contrasto all’immigrazione illegale.

La norma citata, novellando il Dlgs. n. 142/15, ha stabilito che i richiedenti protezione internazionale debbano essere iscritti all’Anagrafe della popolazione residente, sia nel caso in cui siano ospitati nei Centri di prima accoglienza, che nel caso in cui siano in strutture temporanee o in uno dei Centri del circuito “Sprar” (“Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati”).

Viene anche previsto che, in caso di “variazione della convivenza”, il Responsabile della convivenza debba – entro 20 giorni – darne comunicazione all’Ufficio Anagrafe competente affinché il soggetto in questione possa essere contestualmente cancellato anche anagraficamente.

Come osservato dalla Direzione, è sostanzialmente introdotta una “una speciale disciplina della cancellazione anagrafica, con effetto immediato, applicabile alle ipotesi di revoca delle misure di accoglienza o di allontanamento ingiustificato del richiedente protezione internazionale”.

Rimane tuttavia salvaguardato il diritto dell’interessato ad essere nuovamente iscritto nel caso in cui la sua posizione dovesse subire una nuova variazione e le condizioni di partenza dovessero essere ripristinate.


Related Articles

Mutui Cassa Depositi e Prestiti: sottoscrizione di un contratto a seguito del riconoscimento di un debito fuori bilancio

Nella Delibera n. 1 del 12 gennaio 2016 della Corte dei conti Puglia, viene richiesto un parere sulla possibilità di

Ici: è dovuta per un fabbricato nel quale un Ente religioso svolga un’attività a dimensione imprenditoriale, anche se non prevalente

Nella Sentenza n. 13970 dell’8 luglio 2016 della Corte di Cassazione, la controversia concerne l’impugnazione di un avviso di accertamento

Armonizzazione: quando deve effettuarsi la verifica dello stato di attuazione dei programmi?

Sul Portale Arconet della Ragioneria generale dello Stato è stata pubblicata la Faq n. 7 con riferimento ai tempi e