Immigrazione: in caso di revoca dell’accoglienza del richiedente protezione internazionale scatta la cancellazione anagrafica

Immigrazione: in caso di revoca dell’accoglienza del richiedente protezione internazionale scatta la cancellazione anagrafica

Con la Circolare n. 5 del 18 maggio 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha messo l’accento su una novità introdotta dall’art. 8, comma 1, lett. a)-bis, del Dl. n. 13/17 in materia di protezione internazionale e contrasto all’immigrazione illegale.

La norma citata, novellando il Dlgs. n. 142/15, ha stabilito che i richiedenti protezione internazionale debbano essere iscritti all’Anagrafe della popolazione residente, sia nel caso in cui siano ospitati nei Centri di prima accoglienza, che nel caso in cui siano in strutture temporanee o in uno dei Centri del circuito “Sprar” (“Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati”).

Viene anche previsto che, in caso di “variazione della convivenza”, il Responsabile della convivenza debba – entro 20 giorni – darne comunicazione all’Ufficio Anagrafe competente affinché il soggetto in questione possa essere contestualmente cancellato anche anagraficamente.

Come osservato dalla Direzione, è sostanzialmente introdotta una “una speciale disciplina della cancellazione anagrafica, con effetto immediato, applicabile alle ipotesi di revoca delle misure di accoglienza o di allontanamento ingiustificato del richiedente protezione internazionale”.

Rimane tuttavia salvaguardato il diritto dell’interessato ad essere nuovamente iscritto nel caso in cui la sua posizione dovesse subire una nuova variazione e le condizioni di partenza dovessero essere ripristinate.


Related Articles

Imu: per gli imprenditori agricoli Dichiarazione da presentare solo in caso di variazioni

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef-Dipartimento delle Finanze, la Risoluzione 16 giugno 2017, n. 3/DF, avente ad oggetto “Imposta

Elezioni politiche del 4 marzo 2018: lavoro straordinario, retribuzione e riposi compensativi per le operazioni elettorali

Il 4 marzo 2018 si svolgeranno le Elezioni per il rinnovo del Parlamento, abbinate, in Lazio e in Lombardia, con

Utilizzo delle entrate vincolate per spesa corrente

Negli ultimi mesi la Corte dei conti ha posto particolare attenzione sulla necessità che gli Enti Locali avessero contezza delle