Imposta di pubblicità: sono insegne tassabili anche le indicazioni stradali e i segnali turistici

Imposta di pubblicità: sono insegne tassabili anche le indicazioni stradali e i segnali turistici

Nell’Ordinanza n. 12349 del 17 maggio 2017 della Corte di Cassazione, l’oggetto della controversia riguarda le informazioni indicative dei giorni e degli orari d’apertura di un Centro commerciale ovvero le informazioni indicative sulle attività svolte all’interno dello stesso.

La Suprema Corte chiarisce che le indicazioni stradali e i segnali turistici e di territorio che forniscono agli utenti informazioni necessarie o utili per la guida e l’individuazione di località, itinerari, servizi e impianti, svolgono per la loro sostanziale natura di insegne, anche una funzione pubblicitaria tassabile, ai sensi dell’art. 5, del Dlgs. n. 507/93.

I Giudici hanno precisato che non può non rilevarsi come le indicazioni oggetto di controversia siano state esposte in un contesto di esercizio d’attività commerciale, e, quand’anche non direttamente volte a promuovere l’immagine o i prodotti dell’impresa interessata, tuttavia si rivelino utili o necessarie ad un più proficuo svolgimento dell’attività d’impresa.


Related Articles

Accesso agli atti relativi a Società partecipate dalla Regione: se utile per il mandato, i Consiglieri ne hanno pieno diritto

Nella Sentenza n. 656 del 17 marzo 2017 del Tar Lombardia, la ricorrente -un Consigliere regionale – ha presentato alla

Permessi brevi: nessuna deroga al limite annuo previsto dal Ccnl.

L’Aran, con Orientamento applicativo Ral_1963 del 20 marzo 2018, ha recentemente risposto ad un quesito fornendo chiarimenti in merito alla

Sanzioni “Codice della Strada”: Anci, “Nessun aumento degli incassi, variazione accertamenti è dovuto a nuove regole contabili”

Con la Nota 12 giugno 2017, l’Anci è intervenuta sul tema della sicurezza stradale per smentire alcuni dati circolati nei