Imposta di pubblicità: sono insegne tassabili anche le indicazioni stradali e i segnali turistici

Imposta di pubblicità: sono insegne tassabili anche le indicazioni stradali e i segnali turistici

Nell’Ordinanza n. 12349 del 17 maggio 2017 della Corte di Cassazione, l’oggetto della controversia riguarda le informazioni indicative dei giorni e degli orari d’apertura di un Centro commerciale ovvero le informazioni indicative sulle attività svolte all’interno dello stesso.

La Suprema Corte chiarisce che le indicazioni stradali e i segnali turistici e di territorio che forniscono agli utenti informazioni necessarie o utili per la guida e l’individuazione di località, itinerari, servizi e impianti, svolgono per la loro sostanziale natura di insegne, anche una funzione pubblicitaria tassabile, ai sensi dell’art. 5, del Dlgs. n. 507/93.

I Giudici hanno precisato che non può non rilevarsi come le indicazioni oggetto di controversia siano state esposte in un contesto di esercizio d’attività commerciale, e, quand’anche non direttamente volte a promuovere l’immagine o i prodotti dell’impresa interessata, tuttavia si rivelino utili o necessarie ad un più proficuo svolgimento dell’attività d’impresa.


Related Articles

Atto di pignoramento presso terzi eseguito dall’Agente di riscossione

Nella Sentenza n. 26519 del 9 novembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sugli atti

Durc irregolare: determina l’esclusione dell’Impresa dall’appalto pubblico

Nella Sentenza n. 1153 del 27 novembre 2014 del Tar Emilia Romagna, la controversia nasce da una gara indetta da

Trasferimenti erariali: rimborso della spesa sostenuta nel 2013 per il personale degli Enti Locali ex Fime

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con la Circolare n. 2/14 del 5 febbraio 2014, ha