Incarichi di staff del Sindaco: è danno erariale riconoscere un compenso non corrispondente ai requisiti culturali e professionali?

Incarichi di staff del Sindaco: è danno erariale riconoscere un compenso non corrispondente ai requisiti culturali e professionali?

Nella Sentenza n. 209 del settembre 2017 della Corte dei conti Toscana, venivano convenuti in giudizio il Sindaco e il Segretario comunale per danno erariale per aver conferito un incarico di Responsabile dell’Ufficio del Sindaco, ai sensi dell’art. 90 del Dlgs. n. 267/00, ad un soggetto privo della laurea e con una retribuzione superiore a quella della Categoria “D”.

Nel caso di specie, la Sezione sottolinea che il profilo di illiceità è rappresentato, non già dall’assenza del diploma di laurea in capo all’incaricato, ma dall’intervenuto riconoscimento di un compenso non corrispondente ai requisiti culturali e professionali. La Sezione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: la Corte di Giustizia dichiara il metodo del pro-rata incompatibile con la Direttiva comunitaria

La Corte di Giustizia europea, nelle conclusioni presentate dall’Avvocato generale il 29 giugno scorso (Causa C-378/15), ha sancito che il

Diritti di rogito dei Segretari: l’abolizione opera dal 24 giugno 2014

Nella Delibera n. 40 del 6 febbraio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Personale P.A.: sopravvenuti vincoli di bilancio prevalgono sul diritto all’assunzione del vincitore di un concorso indetto dal Comune

Nella Sentenza n. 30238 del 15 dicembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda la mancata