Indebitamento netto P.A. in rapporto al Pil: nel terzo trimestre 2017 è stato pari al 2,1%, con un miglioramento di 0,3 punti percentuali

Indebitamento netto P.A. in rapporto al Pil: nel terzo trimestre 2017 è stato pari al 2,1%, con un miglioramento di 0,3 punti percentuali

Nel terzo trimestre del 2017 l’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 2,1%, con un miglioramento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2016.

A renderlo noto, con il consueto aggiornamento sui conti delle Amministrazioni pubbliche, delle Famiglie e delle Società, è l’Istat.

Il saldo primario delle P.A. (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo, con un’incidenza sul Pil dell’1,2% (1,4% nel terzo trimestre del 2016). Positivo anche il saldo corrente, con un’incidenza sul Pil dell’1,3% (contro lo 0,6% dell’anno precedente).

La pressione fiscale è stata pari al 40,3%, in riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dello 0,7% rispetto al trimestre precedente. Questo non ha spostato tanto i consumi (cresciuti dello 0,2%), quanto la propensione al risparmio, che ha assorbito il restante 0,5%, salendo all’8,2%.

A fronte di una diminuzione dello 0,1% del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto rispetto al trimestre precedente dello 0,8%.

La quota di profitto delle Società non finanziarie è risultata pari al 41,3%, diminuendo di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il tasso di investimento, pari al 20,7%, è aumentato di 0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

Come evidenziato dall’Istati, i conti delle Amministrazioni pubbliche, delle Famiglie e delle Società, sono elaborati in milioni di Euro a prezzi correnti e sono parte dei conti trimestrali dei Settori istituzionali. I dati relativi alle P.A. sono commentati in forma grezza, mentre quelli relativi alle Famiglie e alle Società in forma destagionalizzata.


Related Articles

“Fondo sperimentale di riequilibrio”: ripartite tra Città metropolitane e Province le risorse 2017

Con il Comunicato 24 marzo 2017 il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale ha reso noto che, con Dm. 14

Tarsu/Tari: non sono ammissibili variazioni di tariffe successivamente all’approvazione del bilancio di previsione

Nella Delibera n. 178 del 26 ottobre 2017 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco ha chiesto una serie di

Finanza regionale: il punto della Sezione Autonomie sull’andamento di pagamenti e riscossione nell’ultimo quinquennio

Nella Delibera n. 37 del 20 dicembre 2016 della Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, vengono messi in evidenza