Indennità di funzione spettanti agli Amministratori locali: l’eventuale rinuncia volontaria non inficia successivi esercizi

Indennità di funzione spettanti agli Amministratori locali: l’eventuale rinuncia volontaria non inficia successivi esercizi

Nella Delibera n. 382 del 21 dicembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sull’indennità spettante ai membri della Giunta comunale. La Sezione ritiene che, essendo stata abolita dal 2008 la possibilità per gli Enti di modificare autonomamente l’importo dell’indennità, le Delibere contenenti eventuali riduzioni, superiori a quella fissate dalla legge, vanno intese come rinunce volontarie ad una parte dell’indennità, che non hanno alcuna influenza sull’ammontare della stessa per gli esercizi successivi.

Pertanto, le indennità degli Amministratori che siano state volontariamente ridotte al di sotto della soglia normativamente stabilita possono essere rideterminate in aumento fino alla misura

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Acquisti beni e servizi P.A.: aggiornati i prezzi di riferimento per le forniture di carta

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha pubblicato il 5 ottobre 2017 sul proprio sito istituzionale la Delibera n. 975 del 27 settembre

Elezioni politiche del 4 marzo 2018: lavoro straordinario, retribuzione e riposi compensativi per le operazioni elettorali

Il 4 marzo 2018 si svolgeranno le Elezioni per il rinnovo del Parlamento, abbinate, in Lazio e in Lombardia, con

Previsionale 2016 e consuntivo 2015: il Ministero dell’Interno proroga ancora una volta la scadenza per la compilazione dei Questionari

La Direzione centrale della Finanza locale “ci prova ancora”. Con un annuncio pubblicato il 14 giugno 2016 sul proprio sito