Iva: l’Agenzia fornisce chiarimenti in merito all’esenzione di prestazioni sanitarie rese all’interno delle Farmacie

Iva: l’Agenzia fornisce chiarimenti in merito all’esenzione di prestazioni sanitarie rese all’interno delle Farmacie

Con la Risoluzione n. 60/E del 12 maggio 2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al regime Iva e all’assolvimento degli obblighi di certificazione dei corrispettivi su alcuni dei servizi sanitari resi dalle Farmacie.

L’Agenzia delle Entrate, in risposta al soggetto istante, ha richiamato in premessa l’art. 10, comma 1, n. 18), del Dpr. n. 633/72, il quale prevede l’esenzione Iva per “le prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell’esercizio delle professioni e arti sanitarie soggette a vigilanza, ai sensi dell’art. 99 del Tu delle Leggi sanitarie, approvato con Rd. 27 luglio 1934,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Vigili di finanza: una novità sommata ad un vantaggio

In Italia il problema dell’evasione fiscale è, ed è sempre stato, un fenomeno vasto ed allarmante che, oltre ad ostacolare

Ici: soggettività passiva per le aree di sviluppo industriale e le aree demaniali per la realizzazione di opifici industriali

Nella Sentenza n. 20797 del 14 ottobre 2016 della Corte di Cassazione, con Sentenza veniva rigettato l’appello proposto da un

Incarichi P.A.: l’Anac invoca la revisione delle norme in materia di inconferibilità e incompatibilità

Lo aveva già sostenuto nel giugno scorso con l’Atto di segnalazione n. 4. E’ tornata a farlo adesso con analogo