La revoca delle posizioni dirigenziali e organizzative: stessi principi

La revoca delle posizioni dirigenziali e organizzative: stessi principi

La revoca degli incarichi di posizioni organizzative nell’ambito degli Enti Locali può essere disposta sulla base degli specifici presupposti indicati dall’art. 9, comma 3, del Ccnl. 31 marzo 1999 ed è illegittima se comunicata in considerazione del mero mutamento dell’Organo investito del potere di nomina. La illegittimità dell’interruzione degli incarichi dirigenziali determina – in linea generale – il diritto alla reintegrazione negli incarichi stessi”.

E’ questo il principio di diritto stabilito dalla Corte di Cassazione con la Sentenza n. 9728 dell’11 gennaio 2017 e pubblicata il 18 aprile 2017, a seguito del ricorso

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Convenzione Consip: l’adesione rientra nell’attività gestionale di competenza della dirigenza comunale

Nella Sentenza n. 2194 del 30 aprile 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che l’adesione alla Convenzione Consip

Peculato d’uso: poche telefonate dall’Ufficio comunale sono penalmente irrilevanti

Con la Sentenza n. 8509 del 22 febbraio 2017,la Corte di Cassazione interviene sul caso del Ragioniere di un Comune

Spesa per buoni lavoro: deve essere computata ai fini del vincolo finanziario posto dall’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10

Nella Delibera n. 330 del 15 ottobre 2015 della Corte dei conti Lombardia, l’Amministrazione Comunale premette che ha aderito al