La settimana parlamentare dal 15 al 20 gennaio

La settimana parlamentare dal 15 al 20 gennaio

Questa settimana al Senato

Questa settimana, l’Assemblea del Senato non si riunirà. Per quanto riguarda i lavori delle Commissioni, oggi alle 15 la Difesa e la Esteri di Camera e Senato ascolteranno le comunicazioni del Governo sull’andamento delle missioni internazionali autorizzate per il 2017, sulla loro proroga per l’anno in corso e sulle missioni da avviare nel 2018. A seguire le Commissioni Esteri e Difesa, in sede riunita, esamineranno la relazione sulle missioni internazionali, deliberata dal Consiglio dei Ministri il 28 dicembre 2017 e la deliberazione del Cdm sulla partecipazione dell’Italia a missioni internazionali.

Mercoledì alle 13.30 la Commissione Finanze, in sede congiunta con quella della Camera, ascolterà il dottor Mario Nava e il dottor Paolo Ciocca nell’ambito dell’esame delle proposte di nomina a Presidente e a componente della CONSOB. A seguire entrambe le Commissioni esprimeranno i rispettivi pareri su due atti. La Commissione Territorio si confronterà sulle proposte di nomina del Presidente dell’Ente parco nazionale Isola di Pantelleria e del Presidente dell’Ente parco nazionale Arcipelago di La Maddalena.

Questa settimana alla Camera

Per quanto riguarda l’altro ramo del Parlamento, l’Assemblea della Camera tornerà a riunirsi mercoledì a partire dalle 10.30 per l’esame della relazione sulle missioni internazionali deliberata dal Consiglio dei Ministri il 28 dicembre 2017 e la deliberazione del Cdm sulla partecipazione dell’Italia a missioni internazionali.

Quanto ai lavori delle Commissioni, la Esteri esaminerà il documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sulla strategia italiana per l’Artico e quello sull’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e, in sede riunita con la Difesa, si confronterà sulla relazione sulle missioni internazionali e sulla partecipazione dell’Italia a missioni internazionali. La Commissione Culturariprenderà l’esame del documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sulle buone pratiche della diffusione culturale.

La Commissione Ambiente esaminerà lo schema di decreto ministeriale sulle linee guida concernenti le modalità di svolgimento delle funzioni del direttore dei lavori e del direttore dell’esecuzione dei contratti relativi a servizi o forniture, lo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri sulle modalità di svolgimento delle opere sottoposte a dibattito pubblico; inoltre, sulle proposte di nomina del Presidente dell’Ente parco nazionale Isola di Pantelleria e del Presidente dell’Ente parco nazionale Arcipelago di La Maddalena. In sede riunita con la Agricoltura, esaminerà lo schema di decreto legislativo sulla revisione e armonizzazione della normativa nazionale in materia di foreste e filiere forestali.

La Commissione Agricoltura esaminerà lo schema di decreto legislativo sulla riorganizzazione dell’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) e il riordino del sistema dei controlli nel settore agroalimentare, quello sulla disciplina della coltivazione, della raccolta e della prima trasformazione delle piante officinali e quello sugli interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole. Infine la Commissione Politiche dell’Unione Europea si confronterà sullo schema di decreto legislativo relativo alle disposizioni e norme di sicurezza per le navi passeggeri.

La road map elettorale

Al temine di questa settimana i partiti dovranno depositare al Viminale i propri simboli, un appuntamento importantissimo ma che tutto sommato, almeno per i partiti delle principali coalizioni, centro destra e centro sinistra, e per gli altri partiti come Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali non dovrebbe riservare grosse soprese.

Questa settimana e gran parte della prossima saranno soprattutto dedicate alla definizione delle liste dei candidati e soprattutto a stipulare gli ultimi accordi sui collegi uninominali, specie per quei partiti che si presenteranno in coalizione. Il termine per la presentazione delle liste scade tra il 35esimo e il 34esimo giorno prima del voto, quindi tra il 28 e il 29 gennaio. Successivamente, dal trentesimo giorno prima della data delle elezioni potranno svolgersi i comizi e le riunioni di propaganda elettorale. Nei 15 giorni precedenti il voto è vietata la diffusione dei sondaggi.

Dopo il voto, la prima seduta delle nuove Camere sarà convocata a venti giorni dalle elezioni, quindi il 23 marzo. Solo dopo l’elezione dei due Presidenti di Camera e Senato e la costituzione dei gruppi parlamentari sarà possibile per il Capo dello Stato avviare le consultazioni per formare il nuovo governo. L’attuale, guidato dal presidente del Consiglio uscente Paolo Gentiloni, rimarrà in carica per lo svolgimento degli affari correnti fino al giuramento di quello nuovo che, in caso di risultato chiaro alle elezioni, non potrà comunque entrare in carica prima della prima settimana di aprile.

Liberi e Uguali dice no a Giorgio Gori in Lombardia

A nulla sono valsi i tanti appelli all’unità e le moltissime ore di trattative. L’assemblea lombarda di Liberi e Uguali si è chiusa con una fumata nera: la sinistra candida alla guida della Regione Lombardia l’esponente di Mdp Onorio Rosati e affossa così le speranze del Partito Democratico di un aiuto al proprio candidato nel difficile tentativo di rimontare il centro destra.

Nel Lazio i giochi sono invece ancora aperti e sembrano portare verso un accordo: l’assemblea locale di LeU dà mandato a Pietro Grasso, presente in sala, di trattare con Nicola Zingaretti sulla coalizione. Ma inevitabilmente il no senza margine alla candidatura Gori avrà degli effetti anche in questa trattativa.

Il no in Lombardia era nell’aria e il candidato Dem Gori ne prende atto, chiarendo che dovranno essere gli esponenti di LeU a spiegare perché hanno deciso di andare divisi, rinunciando alla speranza di battere la destra dopo il ritiro di Roberto Maroni.

 

A cura di Nomos Centro Studi parlamentari

Nomos

La settimana parlamentare” è una rubrica a cura di Nomos Centro Studi Parlamentari, partner commerciale dell’Editore di questo Portale di informazione specializzata, Centro Studi Enti Locali srl.
Grazie alla sinergia avviata tra queste due realtà imprenditoriali, ai Lettori di Entilocali-online.it viene offerta la possibilità di consultare, in maniera del tutto gratuita, gli aggiornamenti relativi ai temi e ai provvedimenti al centro dell’attenzione dei due rami del Parlamento.
La scelta di avviare questo nuovo Progetto – ampliando la vasta gamma di servizi e contenuti accessibili attraverso questo Portale – si pone in continuità con il costante sforzo profuso da Centro Studi Enti Locali per garantire un’informazione sempre più efficace, tempestiva e completa ai propri Abbonati

 


Related Articles

La giornata parlamentare – 2 agosto

Oggi al Senato Dopo che nella giornata di ieri il Governo ha posto la questione di fiducia sul ddl Concorrenza, l’ Assemblea

La giornata parlamentare – 23 giugno

Quella che si è conclusa è stata una settimana di grandi manovre politiche. Nel centro destra è tornato a parlare Berlusconirilanciando se stesso

La giornata parlamentare – 10 marzo

La settimana che si è conclusa verrà ricordata per l’inizio della nuova strategia del Movimento 5 Stelle. La nuova linea