Le stabilizzazioni negli Enti Locali

Le stabilizzazioni negli Enti Locali

Introduzione

L’art. 20 del Dlgs. n. 75/17 introduce una disciplina, di natura transitoria, finalizzata alla stabilizzazione del personale precario attraverso una valorizzazione delle “professionalità da tempo maturate e poste al servizio delle Pubbliche Amministrazioni[1]. Le nuove disposizioni produrranno i propri effetti solamente per il triennio 2018-2020 e si aggiungono a quelle già previste dall’art. 4 del Dl. n. 101/13 e dall’art. 35, comma 3-bis, del Dlgs. n. 165/01.

La norma prevede 2 distinte modalità, una tantum, per il transito nei ruoli dei Comuni dell’attuale personale precario non dirigenziale:

  • la diretta assunzione dei dipendenti a
Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Questionari dei Revisori sul consuntivo 2015: il quadro delle scadenze deliberate dalle Sezioni regionali della Corte dei conti

Per i Revisori degli Enti Locali di quasi tutte le Regioni italiane si avvicina il termine per l’invio telematico –

Clausola sociale: assunzione personale del precedente affidatario non può essere requisito di partecipazione ma solo di esecuzione 

La Sentenza n. 6 del 2 gennaio 2015 del Tar Abruzzo affronta la questione di legittimità della c.d. “clausola sociale”

Società a partecipazione pubblica: per la Cassazione sono soggette al fallimento

Nella Sentenza n. 3196 del 7 febbraio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno respinto le doglianze