Limiti assunzionali: procedure di mobilità intercompartimentale

Limiti assunzionali: procedure di mobilità intercompartimentale

Nella Delibera n. 52 del 25 luglio 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto se, secondo la disciplina attualmente applicabile al Comparto Unico del Pubblico Impiego regionale, la spesa relativa alle assunzioni effettuate mediante l’istituto della “mobilità intercompartimentale” e conseguentemente alle cessazioni allo stesso titolo, sia considerata neutra rispetto ai vincoli del budget delle risorse assunzionali. La Sezione ritiene di non doversi discostare dal principio della neutralità finanziaria applicabile alle assunzioni tramite passaggio diretto di personale tra Amministrazioni diverse (cd. “mobilità intercompartimentale”) limitatamente al caso in cui l’Amministrazione “cedente” e quella “ricevente” siano sottoposte ai medesimi vincoli di finanza pubblica. Inoltre, nel caso di specie (Friuli Venezia Giulia), attese le peculiarità del Comparto Unico del Pubblico Impiego regionale, le procedure di mobilità intercompartimentale dovranno essere attentamente vagliate in via preventiva, anche al fine di verificare gli spazi assunzionali a disposizione dell’Ente.


Related Articles

Responsabilità: Amministratori Ente pubblico regionale condannati per contratti illegittimi di consulenza

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale per la Regione Friuli Venezia Giulia – Sentenza n. 122/10 Oggetto Condanna Amministratori e

Enti non sottoposti al Patto di stabilità: il turn over va riferito al numero delle cessazioni

Nella Delibera n. 14 del 20 gennaio 2015 della Corte dei conti Piemonte, il Sindaco di un Comune non soggetto

Gare d’appalto: se il criterio scelto è l’offerta economicamente più vantaggiosa alla Commissione spetta l’attività valutativa

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 5760 del 21 novembre 2014, si esprime sull’attività valutativa della Commissione in