Limiti assunzionali: procedure di mobilità intercompartimentale

Limiti assunzionali: procedure di mobilità intercompartimentale

Nella Delibera n. 52 del 25 luglio 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto se, secondo la disciplina attualmente applicabile al Comparto Unico del Pubblico Impiego regionale, la spesa relativa alle assunzioni effettuate mediante l’istituto della “mobilità intercompartimentale” e conseguentemente alle cessazioni allo stesso titolo, sia considerata neutra rispetto ai vincoli del budget delle risorse assunzionali. La Sezione ritiene di non doversi discostare dal principio della neutralità finanziaria applicabile alle assunzioni tramite passaggio diretto di personale tra Amministrazioni diverse (cd. “mobilità intercompartimentale”) limitatamente al caso in cui l’Amministrazione “cedente” e quella “ricevente” siano sottoposte ai medesimi vincoli di finanza pubblica. Inoltre, nel caso di specie (Friuli Venezia Giulia), attese le peculiarità del Comparto Unico del Pubblico Impiego regionale, le procedure di mobilità intercompartimentale dovranno essere attentamente vagliate in via preventiva, anche al fine di verificare gli spazi assunzionali a disposizione dell’Ente.


Related Articles

Fabbisogno statale: a maggio è stato inferiore di oltre 2 miliardi a quello del mese corrispondente del 2014

  Nei primi 5 mesi del 2015 il fabbisogno statale è migliorato di oltre 15 miliardi rispetto al 2014 e

Indebitamento degli Enti Locali: le indicazioni della Corte lombarda sulla possibilità di contrarre nuovi mutui

Nella Delibera n. 272 del 23 ottobre scorso, della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco premette che il Comune ha

Pagamento debiti P.A.: pubblicato il Dm. Mef che ripartisce spazi finanziari per 100 milioni di Euro

È stato pubblicato sulla G.U. del 26 maggio 2015, n. 120, il Dm. Mef del 13 marzo 201, n. 19034,