Lotta all’evasione: verso un maggiore coinvolgimento dei Comuni grazie all’intesa tra Guardia di Finanza, Entrate, Anci e Ifel

Lotta all’evasione: verso un maggiore coinvolgimento dei Comuni grazie all’intesa tra Guardia di Finanza, Entrate, Anci e Ifel

Una sorta di patto “antievasione” per incentivare la partecipazione degli Enti Locali all’accertamento dei tributi erariali. Potrebbe essere definito così il Protocollo d’intesa siglato l’8 febbraio 2018 da Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza, Anci e Ifel (Istituto per la finanza e l’economia locale).

Come riferito dall’Amministrazione finanziaria con una Nota diramata lo stesso giorno, l’intesa – la cui durata è triennale – ruota soprattutto all’idea di promuovere segnalazioni qualificate, formazione mirata con l’utilizzo delle “best practice” e delle nuove tecnologie, rafforzamento della rete dei referenti a livello territoriale che lavoreranno in sinergia in ogni fase del processo, coordinamento e indirizzo strategico-operativo da parte del gruppo di lavoro.

Per migliorare la qualità delle segnalazioni, è stato programmato un piano formativo che coinvolgerà tutti gli attori del processo, con la definizione di una check-list di fatti, elementi e informazioni che aiutino a predisporre segnalazioni qualificate direttamente utilizzabili e, soprattutto, la diffusione e l’implementazione delle buone pratiche individuate sul territorio, al fine di migliorare le procedure di selezione e di analisi per una corretta elaborazione dei profili e dei comportamenti a rischio, ovvero, potenzialmente elusivi o evasivi.

Al centro della nuova intesa un posto di rilievo spetta sicuramente alla rete dei referenti, definita fondamentale per il coordinamento delle attività a livello territoriale, per la conoscenza e il corretto utilizzo del patrimonio informativo a disposizione degli Enti locali, per la conduzione dei piani specifici di formazione, per lo sviluppo di processi di analisi del rischio mediante l’incrocio delle banche dati a disposizione nonché per un costante confronto sullo stato di lavorazione delle segnalazioni al fine di migliorarne, progressivamente, la qualità.


Related Articles

Incentivi per funzioni tecniche: sono da includere nel tetto dei trattamenti accessori

Nella Delibera n. 113 del 9 giugno 2017 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto se, ai fini del computo

Attività di pianificazione: per l’erogazione dell’incentivo occorre il collegamento diretto ed immediato alla progettazione di un’opera pubblica

Nella Delibera n. 303 del 22 settembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco formula un quesito sulla corretta

Debiti fuori bilancio da gestione vincolata e competenza dell’Organo straordinario di liquidazione in ipotesi di dissesto

Nella Delibera n. 81 del 27 aprile 2017 della Corte dei conti Sicilia, la Sezione si esprime sui debiti fuori