Piano finanziario: mancata previsione della clausola di esecuzione non incide sulla validità della procedura

Piano finanziario: mancata previsione della clausola di esecuzione non incide sulla validità della procedura

Nella Sentenza n. 520 dell’11 dicembre 2017 del Tar Molise, i Giudici si esprimono sulla mancata previsione della clausola di esecuzione del Piano finanziario.

I Giudici chiariscono che la mancata previsione, nella “lex specialis” di gara, della clausola di cui all’art. 171, comma 3, lett. b), del Dlgs. n. 50/16 (relativa all’obbligo, da parte dell’offerente, di eseguire il Piano finanziario), non incide sulla validità della procedura, producendosi quella forma di eterointegrazione della “lex specialis” pacificamente ammessa e che permette, grazie al principio di conservazione, di colmarne le lacune del Regolamento della selezione attraverso la diretta applicazione delle clausole previste dalla legge, con la conseguenza che la legge di gara resta integrata dalle previsioni delle norme e non potrà essere dichiarata illegittima in ragione della mancata menzione delle clausole di legge, anche se escludenti.


Related Articles

Incentivi alla progettazione: soggetti ed attività per i quali possono essere riconosciuti  

Nella Delibera n. 141 del 27 dicembre 2014 della Corte dei conti Marche, i dubbi interpretativi dell’Ente in questione riguardano

Incentivo alla progettazione: nuovi chiarimenti della Sezione Autonomie sull’art. 93, comma 7-ter, del “Codice”

Nella Delibera n. 10 del 23 marzo 2016 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione è chiamata ad esprimere il

Contratti pubblici: differenza tra rinnovo e proroga

Nella Sentenza n. 159 del 20 gennaio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che, nel caso in cui si