“Piano pluriennale di riequilibrio”: mancato rispetto del termine perentorio di 90 giorni per l’approvazione

“Piano pluriennale di riequilibrio”: mancato rispetto del termine perentorio di 90 giorni per l’approvazione

Nella Sentenza n. 49 del 21 dicembre 2017 della Corte dei conti, le Sezioni Riunite sono chiamate a stabilire se il “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale” di un Comune sia stato adottato nei termini di legge, come sostiene quest’ultimo, ovvero abbia superato il termine perentorio di cui all’art. 243-bis, comma 5, del Dlgs. n. 267/00 (Tuel) e, quindi, sia stato adottato tardivamente, con tutte le conseguenze di legge. Secondo le Sezioni Riunite, la risoluzione della controversia verte su una problematica interpretativa che involge la disciplina recata dall’art. 243-bis, comma 5, del Tuel, in combinato

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Fabbisogno del Settore statale: a novembre 2016 è stato di 7 miliardi di Euro

Con il Comunicato-stampa n. 200 del 1°dicembre 2016, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto l’ammontare provvisorio del

Sicilia: aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione aziendale

Tipo Fondo: POFesr Sicilia Beneficiari: a. Piccole e medie imprese, così come le stesse sono definite in allegato 1 del