“Piano pluriennale di riequilibrio”: mancato rispetto del termine perentorio di 90 giorni per l’approvazione

“Piano pluriennale di riequilibrio”: mancato rispetto del termine perentorio di 90 giorni per l’approvazione

Nella Sentenza n. 49 del 21 dicembre 2017 della Corte dei conti, le Sezioni Riunite sono chiamate a stabilire se il “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale” di un Comune sia stato adottato nei termini di legge, come sostiene quest’ultimo, ovvero abbia superato il termine perentorio di cui all’art. 243-bis, comma 5, del Dlgs. n. 267/00 (Tuel) e, quindi, sia stato adottato tardivamente, con tutte le conseguenze di legge. Secondo le Sezioni Riunite, la risoluzione della controversia verte su una problematica interpretativa che involge la disciplina recata dall’art. 243-bis, comma 5, del Tuel, in combinato

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Principio segretezza offerte: violato se la cauzione provvisoria contiene elementi idonei a far presumere l’ammontare dell’offerta economica

Nel Parere n. 216 del 2 dicembre 2015, l’Anac afferma che costituisce violazione del principio di segretezza delle offerte e

“Jobs Act”: verso i controlli a distanza sui lavoratori?

Arriva all’improvviso il via libera ai controlli a distanza sui dipendenti tramite computer, cellulari, tablet e telecamere. Gli scambi di

Armonizzazione: variazioni di bilancio, quando sono di competenza della Giunta e quando del Dirigente?

Il testo del quesito: “Si chiede quale sia, ai sensi dell’art. 175 del Tuel, l’Organo competente a deliberare le seguenti