Progressioni verticali riservate al personale di ruolo: i limiti dopo il Dlgs. n. 75/17

Progressioni verticali riservate al personale di ruolo: i limiti dopo il Dlgs. n. 75/17

Nella Delibera n. 42 del 23 marzo 2018 della Corte dei conti Puglia, un Comune ha chiesto un parere riguardante le progressioni tra aree riservate al personale di ruolo disciplinate dall’art. 22, comma 15, del Dlgs. n. 75/17. In particolare, con il primo quesito l’Ente ha chiesto se la percentuale del 20%, indicata dalla norma come limite massimo dei posti da coprire con procedure selettive riservate (interne) rispetto ai posti previsti nel “Piano dei fabbisogni” come nuove assunzioni consentite per la relativa area o categoria, debba considerarsi riferita alle “teste” (numero dei posti), ovvero possa essere

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tari: occupazione in comune di un’unità immobiliare

Nella Sentenza n. 185 del 6 giugno 2017 del Tar Abruzzo una Società, proprietaria di una struttura alberghiera, si occupa

Mutui Enti Locali: Cassa DD.PP. proroga i termini relativi al nuovo programma di rinegoziazione

Con il Comunicato 20 novembre 2015, Cassa Depositi e Prestiti Spa ha annunciato la proroga alle ore 13:00 del 23

Processo tributario: è nulla la Sentenza Ctr che non esplicita le motivazioni

Nella Sentenza n. 20648 del 14 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che è affetta da nullità