Reinternalizzazione di servizi precedentemente affidati a soggetti esterni: non implica deroga ai vincoli assunzionali

Reinternalizzazione di servizi precedentemente affidati a soggetti esterni: non implica deroga ai vincoli assunzionali

Nella Delibera n. 142 del 12 settembre 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto un parere in ordine alla possibilità di effettuare 3 assunzioni a tempo indeterminato necessarie ad erogare Servizi sociali, con gestione in forma associata, alla popolazione dei Comuni dell’Unione in questione. La Sezione rileva che l’Ente Locale, in caso di “reinternalizzazione” di servizi precedentemente affidati a soggetti esterni, a meno che non sia esplicitamente previsto dalla legge, non può derogare alle norme introdotte dal Legislatore statale in materia di contenimento della spesa per il personale, trattandosi di disposizioni di natura cogente che rispondono a imprescindibili esigenze di riequilibrio della finanza pubblica per ragioni di coordinamento finanziario, connesse ad obiettivi nazionali ancorati al rispetto di rigidi obblighi comunitari, e che pertanto non consentono interpretazioni additive o derogatorie, pur nella consapevolezza di alcune criticità e discrasie del sistema.

Inoltre, la Sezione specifica che è da escludere la possibilità di considerare virtualmente sostenuta una spesa che tale non è ai soli fini del rispetto del limite legislativamente imposto, per il seguente principio di diritto: “a seguito delle novità introdotte dal nuovo art. 1, comma 557-quater, della Legge n. 296/06, il contenimento della spesa di personale va assicurato rispetto al valore medio del triennio 2011/2013, prendendo in considerazione la spesa effettivamente sostenuta in tale periodo, senza, cioè, alcuna possibilità di ricorso a conteggi virtuali”.

Corte dei conti Emilia Romagna – Delibera n. 142 del 12 settembre 2017


Related Articles

Utilizzazione ai fini assunzionali dei “resti” dell’anno 2013: nessuna modifica introdotta in questo senso dalla “Legge di stabilità”

Nella Delibera n. 64 del 15 giugno 2016 della Corte dei conti Umbria, un Comune chiede se nell’anno 2016 sia

Aggiornamento catastale: dal 1º giugno gli atti possono essere presentati solo attraverso il canale telematico

Con il Provvedimento Prot. 2015/35112 datato 11 marzo 2015, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che, a partire dal 1° giugno

Processo tributario: niente nullità per l’assenza dell’autentica della firma del ricorso

Nella Sentenza n. 25470 del 2 dicembre 2014 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che nel processo tributario la