Sanzione per utilizzo in compensazione di credito Iva inesistente: non si applica se è già stato recuperato e sanzionato in ambito accertativo

Sanzione per utilizzo in compensazione di credito Iva inesistente: non si applica se è già stato recuperato e sanzionato in ambito accertativo

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 36/E dell’8 maggio 2018, ha chiarito che, in caso di utilizzo in compensazione di un credito Iva inesistente, già recuperato in ambito accertativo e sanzionato quale infedele Dichiarazione ed illegittima detrazione ai sensi degli artt. 6, comma 6, e 5, comma 4, del Dlgs. n. 471/97, non deve essere irrogata anche l’ulteriore sanzione di cui all’art. 13 comma 5, del medesimo Decreto, prevista a seguito del successivo utilizzo in compensazione del credito Iva inesistente.

Una diversa soluzione avrebbe infatti l’effetto di punire la medesima violazione:

  • una prima volta, sanzionando la contabilizzazione delle fatture inesistenti e la riduzione del debito d’imposta (o l’indicazione di un maggior credito) ex 5, comma 4, e 6, comma 6, del Dlgs. n. 471/97 (sanzioni tra loro cumulabili in progressione), oltre al recupero del minor credito spettante;
  • una seconda volta, contestando le indebite compensazioni effettuate negli anni successivi, applicando la sanzione di cui all’art. 13, comma 5, del medesimo Decreto, e recuperando il credito utilizzato in compensazione.

Fermo restando quindi il recupero del minor credito nell’ambito della contestazione per infedele dichiarazione, “le compensazioni eseguite negli anni successivi assumono legittimità e non possono essere più contestate ai sensi del citato art. 13, né recuperate”.


Related Articles

Proposte di legge: torna la leva militare? Se ne discute in Senato

Nel nostro Paese il “Servizio di leva obbligatorio” è stato sospeso dalla Legge n. 226/04[1] e, di conseguenza, le chiamate

Diritti di rogito: non spettano ai Segretari degli Enti con dirigenza

Nella Sentenza n. 762 del 29 settembre 2016 del Tribunale di Bergamo, il Giudice afferma che non spettano i diritti

Fabbisogno Settore statale: nei primi 10 mesi del 2016 è stato pari a 49,5 miliardi di Euro

Con Comunicato n. 184 del 2 novembre 2016, il Mef ha diffuso il consueto aggiornamento relativo al fabbisogno statale. Ne