Scorrimento graduatoria: non consentito se approvata all’esito di una selezione interna

Scorrimento graduatoria: non consentito se approvata all’esito di una selezione interna

Nella Sentenza n. 3131 del 20 marzo 2018 del Tar Lazio, i Giudici si esprimono sullo scorrimento della graduatoria nei concorsi per l’accesso alle qualifiche del “Pubblico Impiego”. I Giudici affermano che le selezioni interne riservate al personale dipendente dell’Amministrazione, non rivestendo la natura pubblica del concorso, che rappresenta il modello generale per l’accesso ai pubblici impieghi, non beneficiano delle prerogative sulla efficacia nel tempo e sulla preferenza dello scorrimento rispetto all’indizione di nuove selezioni, proprie del pubblico concorso. Infatti, in materia di accesso al “Pubblico Impiego”, il principio della preferenza per lo scorrimento della graduatoria

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Società partecipate: il contenimento dei contratti a tempo determinato dev’essere garantito

Nella Delibera n. 1 del 13 gennaio 2015 della Corte dei conti Puglia, il parere verte sulla possibilità per una

Città metropolitane: verso l’abolizione delle sanzioni ereditate dalle Province

Le Città metropolitane non si faranno carico delle penalizzazioni e delle sanzioni derivanti dalla gestione delle Province uscenti. Ad annunciarlo,

Componenti della tariffa per il “Servizio di smaltimento rifiuti”

La Delibera n. 73 del 28 aprile 2015 della Corte dei conti Toscana riguarda la possibilità di considerare come componenti