Sicurezza Ict nelle Pubbliche Amministrazioni: i contenuti della Circolare Agid n. 2/17

Sicurezza Ict nelle Pubbliche Amministrazioni: i contenuti della Circolare Agid n. 2/17

Con la Circolare n. 2 del 18 aprile 2017, pubblicata sulla G.U. n. 103 del 5 maggio 2017, l’Agid (“Agenzia per l’Italia digitale”) è tornata sul tema delle misure di sicurezza da adottare per garantire la resilienza e l’integrità dei propri sistemi informatici. Le misure, che dovranno essere applicate entro il 31 dicembre 2017, rappresentano per molti piccoli Enti delle problematiche che potranno presumibilmente essere meglio gestite a livello di Unione di Comuni o comunque consorziando servizi Ict.

L’implementazione di un servizio con adeguate professionalità tecnico-informatiche è reso necessario dal nuovo contesto cibernetico che presenta sempre più minacce

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasparenza: l’Anac avvia i procedimenti sanzionatori per omessa pubblicazione dei dati previsti dal Dlgs. n. 33/13

L’Anac ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il 25 maggio 2015 i testi di alcuni provvedimenti di ordine adottati nell’ambito

“Sblocca Italia”: l’Anac avvia i controlli sugli appalti attivati, previste sanzioni fino a più di 50.000 Euro per chi trasmette dati non veritieri

In applicazione dell’art. 9 del Dl. n. 133/14 (c.d. “Decreto Sblocca Italia”), sono stati attivati 194 appalti con le procedure

Società ed Organismi partecipati: sono quasi 11.000 in Italia e contano oltre 950.000 addetti

Sono 10.964 le unità partecipate da Enti pubblici in Italia, con un peso in termini di addetti pari a 953.100.