Società in fallimento: i crediti dell’Ente sono da considerare di dubbia esigibilità salvo eventuale riconoscimento compensazione debiti-crediti

Nella Delibera n. 146 del 15 dicembre 2017 della Corte dei conti Marche, viene chiesto un parere in merito alla legittimità di procedere alla compensazione tra debiti e crediti nei confronti di una Società in fallimento.

La Sezione rileva che gli adempimenti contabili cui l’Ente dovrà dare esecuzione in attuazione del Principio contabile applicato di cui all’Allegato n. 4/2 del Dlgs. n. 118/11 dipenderanno dalla posizione che la Curatela manifesterà alla richiesta dell’Ente di ritenere compensato il proprio debito per restituzione di oneri di urbanizzazione ovvero, in caso di dissenso, dall’accertamento della compensazione per via giudiziale.

Fino al momento dell’eventuale riconoscimento di tale compensazione (e comunque per la parte residua di credito non compensabile), il Principio di prudenza richiede di considerare la mancata riscossione del credito dell’Ente come rilevante ai fini della quantificazione del “Fondo crediti di dubbia esigibilità”.

Corte dei conti Marche – Delibera n. 146-2017


Related Articles

“Servizi Demografici”: oltre 4,6 milioni gli Italiani residenti all’estero al 31 dicembre 2014

Sono 4.636.647 i cittadini italiani residenti all’estero al 31 dicembre 2014: a scattare “la fotografia” della distribuzione di questi nei

Enti utilizzatori del personale Asu: devono favorire la fuoriuscita dal bacino del precariato

Nella Delibera n. 182 del 7 novembre 2017 della Corte dei conti Sicilia, il Commissario straordinario di un Libero consorzio

Tributi locali: come per i pagamenti legati a Servizio elettrico o idrico, vale la prescrizione quinquennale

Nella Sentenza n. 1860 del 6 marzo 2017 della Ctp di Milano, un contribuente ha proposto ricorso impugnando il preavviso