Società “in house”: responsabilità degli Amministratori per spese che superano quanto autorizzato dal Comune azionista e concedente

Società “in house”: responsabilità degli Amministratori per spese che superano quanto autorizzato dal Comune azionista e concedente

Nella Sentenza n. 364 del 4 dicembre 2017 della Corte dei conti Lazio, vengono convenuti in giudizio il Presidente e i Componenti del Cda di una Società “in house” creata per la gestione di “servizi pubblici” e del Patrimonio comunale. In particolare, viene chiesta la condanna al pagamento in favore del Comune in questione di Euro 1.557.413,20, oltre interessi e rivalutazione, per il presunto danno erariale corrispondente alle complessive perdite patrimoniali subìte nel corso del triennio 2005/2007 dall’Ente Locale a causa della ricapitalizzazione della Società.

Dunque, la questione è caratterizzata da fenomeni di “mala gestio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Armonizzazione: corretta contabilizzazione per il leasing finanziario e i contratti assimilati al “partenariato pubblico privato”

Lo scorso 6 luglio 2017, sul portale Arconet, è stata pubblicata la Faq n. 23 avente ad oggetto la corretta

Iva: qual è l’aliquota da applicare al pagamento dell’opera d’arte giudicata vincitrice nell’ambito di un concorso bandito dal Comune?

Il testo del quesito: “Nell’ambito della realizzazione delle opere pubbliche, l’Ente che fruisce di contributi pubblici deve destinare una parte

Personale P.A.: l’allarme Anci, apertura prossimo anno scolastico a rischio

Risolvere subito le questioni ancora aperte in materia di spesa e assunzioni di personale nei Comuni o l’apertura delle scuole