Spesa personale: la disciplina che regola l’istituto del comando

Spesa personale: la disciplina che regola l’istituto del comando

Nella Delibera n. 12 del 15 maggio 2017 della Corte dei conti Autonomie, viene chiesto un parere concernente l’applicabilità al personale in posizione di comando dei limiti di spesa di cui all’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, convertito con modificazioni dalla Legge n. 122/10, ed in particolare se,“…con riferimento alle prescrizioni contenute nell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, … la spesa relativa al personale utilizzato in posizione di comando esuli dall’ambito applicativo della richiamata disposizione normativa, trattandosi di operazione neutra che non incide sulla spesa pubblica complessivamente sostenuta dagli Enti coinvolti, ovvero se tale esclusione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasmissione telematica dei dati delle fatture: confermato l’obbligo anche per gli Enti Locali ma solo per le fatture attive analogiche

  L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Accertamento, con la Circolare n. 1/E del 7 febbraio 2017 ha fornito i

Imposta di bollo: caso d’uso per i contratti d’acquisto sotto soglia stipulati per corrispondenza sul mercato elettronico “Sigeme”

Con l’istanza di Interpello n. 954–15/2017 presentata da un Comune all’Agenzia delle Entrate sono state chiarite le modalità di assolvimento

“Legge Madia”: è possibile assumere in un Ente Locale un soggetto in quiescenza per altra P.A. centrale?

Il testo del quesito: “1.L’Amministrazione vorrebbe assumere ex art. 110 Tuel un Dirigente a contratto che risulterà in quiescenza dalla