“Spesometro”: la scadenza di quello relativo al II semestre 2017 rinviata al 6 aprile 2018, così come eventuali rettifiche senza sanzioni

“Spesometro”: la scadenza di quello relativo al II semestre 2017 rinviata al 6 aprile 2018, così come eventuali rettifiche senza sanzioni

In data 5 febbraio 2018 è stato sottoscritto il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate – già diffuso in bozza lo scorso 19 gennaio, al cui commento si rinvia non essendo state apportate modifiche sostanziali alla versione definitiva – da cui decorrono 60 giorni per la Comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017 (c.d. “Spesometro”), nonché per la trasmissione telematica opzionale dei dati delle fatture emesse e ricevute e per le relative variazioni, con scadenza quindi posticipata dal 28 febbraio al 6 aprile 2018.

Ricordiamo anche in questa sede che, tra le nuove misure, finalizzate ad alleggerire gli adempimenti per Imprese, Enti e Professionisti, vengono semplificate e ridotte le informazioni richieste, diventa possibile comunicare i dati riepilogativi per le fatture emesse e ricevute di importo inferiore ad 300 Euro, è ora facoltativa la scelta di trasmettere i dati con cadenza trimestrale o semestrale.

Le nuove regole possono essere utilizzate anche per inviare le Comunicazioni integrative di quelle errate riferite al primo semestre 2017. I contribuenti che intendono continuare ad utilizzare il software di mercato usato per predisporre la Comunicazione del primo semestre 2017, possono continuare a trasmettere i dati secondo le precedenti regole. Per agevolare i contribuenti e gli Intermediari, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione sul proprio sito internet 2 pacchetti software gratuiti: uno per il controllo dei file delle comunicazioni, e uno per la loro compilazione.


Related Articles

Riaccertamento dei residui in caso di dissesto dell’Ente: la Corte Puglia interviene sulla disciplina da applicare

Nella Delibera n. 98 del 30 giugno 2017 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede un parere sulla disciplina

“Spesometro”: se un Comune ha emesso una fattura cartacea ad una Associazione priva di Partita Iva deve inserirla nella Comunicazione?

Il quesito: “Alla luce dei contenuti dell’art. 1-ter del Dl. n. 148/17, volevamo sapere se sia obbligatorio inserire nello ‘Spesometro’

Tarsu: onere della prova relativa alle superfici per le quali non è dovuta grava su chi ritiene di aver diritto all’esenzione

Nella Sentenza n. 5972 del 25 marzo 2015, la Corte di Cassazione si esprime in materia di Tarsu, osservando che