“Spoils system”: illegittima la cessazione anticipata di un incarico di tipo tecnico-professionale allo scadere del mandato del Sindaco

“Spoils system”: illegittima la cessazione anticipata di un incarico di tipo tecnico-professionale allo scadere del mandato del Sindaco

Nella Sentenza n. 11015 del 5 maggio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa è quella di stabilire se l’art. 110, commi 3 e 4, del Dlgs. n. 267/00 possa consentire di applicare nella specie il meccanismo dello “spoils system” che comporta la cessazione anticipata dell’incarico e se tale risultato possa, o meno, considerarsi conforme alla clausola del contratto accessorio al provvedimento di conferimento dell’incarico ove si è stabilito che il termine finale del rapporto doveva coincidere con “lo scadere del mandato elettorale del Sindaco”. La Suprema Corte rileva che nell’ambito del lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni, con riguardo agli incarichi dirigenziali, in base alla giurisprudenza costituzionale, le uniche ipotesi in cui l’applicazione dello “spoils system” può essere ritenuto coerente con i principi costituzionali di cui all’art. 97 della Costituzione sono quelle nelle quali si riscontrano i requisiti della “apicalità” dell’incarico nonché della “fiduciarietà” della scelta del soggetto da nominare. Viene inoltre specificato che, per legittimare l’applicazione del suddetto meccanismo, la “fiduciarietà” deve essere intesa come preventiva valutazione soggettiva di consonanza politica e personale con il titolare dell’Organo politico, che di volta in volta viene in considerazione come nominante.

Pertanto, il meccanismo non è applicabile in caso di incarico di tipo tecnico-professionale che non comporti il compito di collaborare direttamente al processo di formazione dell’indirizzo politico, ma soltanto lo svolgimento di funzioni gestionali e di esecuzione rispetto agli indirizzi deliberati dagli Organi di governo dell’Ente di riferimento. Infatti, in questo caso, la “fiduciarietà” della scelta del soggetto da nominare non si configura come preventiva valutazione soggettiva di consonanza politica e personale con il titolare dell’organo politico nominante. L’interpretazione costituzionalmente orientata al rispetto dell’art. 97 della Costituzione, come inteso dalla consolidata giurisprudenza costituzionale in materia di “spoils system”, del combinato disposto degli artt. 51 e 110, commi 3, e 4, del Tuel con l’art. 19 del Dlgs. n. 165/01, porta ad escludere che un incarico di tipo tecnico-professionale, che non implica il compito di collaborare direttamente al processo di formazione dell’indirizzo politico dell’Ente di riferimento (nella specie, un Comune), che sia stato affidato dal Sindaco di un Comune, con un contratto prevedente la coincidenza del termine finale del rapporto con “lo scadere del mandato elettorale del Sindaco”, possa essere oggetto di anticipata cessazione da parte del Comune stesso a causa della morte improvvisa del Sindaco persona fisica nominante, sull’assunto del “carattere fiduciario” dell’incarico medesimo.


Related Articles

Trasparenza: al via la rendicontazione degli esiti dell’attività di vigilanza dell’Anac

Con un Comunicato del 3 novembre 2014, l’Anac ha annunciato che saranno resi noti, con aggiornamento periodico, gli esiti dell’attività

Finanza locale: novità in materia di “spending” per Province e Città Metropolitane 

  La Finanza Locale, con Comunicato del 28 maggio 2015, ha reso noto sul sito istituzionale dell’Ente che nella seduta

“Decreto Enti Locali”: negli emendamenti Anci, rimborso spese Uffici giudiziari e ristoro gettito Imu 2015 su terreni agricoli montani

Ristoro delle spese pregresse sostenute dai Comuni per le sedi degli Uffici giudiziari (la richiesta è di 30 milioni annui