Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi destinati alle Città metropolitane per l’esercizio delle “funzioni fondamentali”

Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi destinati alle Città metropolitane per l’esercizio delle “funzioni fondamentali”

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha annunciato, con il Comunicato 29 gennaio 2018,che è in corso di adozione il Decreto che dispone il riparto del contributo di 111 milioni di Euro, previsto dall’art. 1, comma 838, della Legge n. 205/17 (c.d. “Legge di bilancio 2018”), per consentire l’esercizio delle “funzioni fondamentali” alle Città metropolitane delle Regioni a Statuto ordinario.

Le singole quote assegnate agli Enti sono state anticipate attraverso l’Allegato “A”, i cui contenuti sono riproposti qui di seguito.

 

Città metropolitane

 

Quote di contributo ex art.

 1, comma 838, della Legge n. 205/2017 attribuite (Euro)

Torino 14.799.008,00
Milano 18.189.516,00
Genova 7.581.596,00
Venezia 5.347.603,00
Bologna 6.902.951,00
Firenze 8.758.036,00
Roma Capitale 22.810.049,00
Napoli 11.810.755,00
Bari 8.496.876,00
Reggio Calabria 6.303.610,00
Totale 111.000.000,00

 

L’intesa sui criteri di ripartizione delle quote per l’esercizio delle “funzioni fondamentali” di cui all’art. 1 della Legge n. 56/14 è stata raggiunta nel corso della seduta del 24 gennaio 2018 della Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali.


Related Articles

Ratei indennità di funzione e fine mandato: sì all’erogazione all’ex Sindaco anche in assenza di corrispondente stanziamento in bilancio

Nella Delibera n. 99 del 12 dicembre 2016 della Corte dei conti Liguria, viene chiesto: 1) se sia possibile provvedere

Debiti P.A.: presentate oltre 11.000 istanze di certificazione di crediti in una settimana 

Con il Comunicato 3 novembre 2014, pubblicato sul proprio sito, il Mef ha reso noto che sono state presentate –

Debito fuori bilancio: gestione del debito relativo a conguagli per il consumo di energia elettrica in esercizi finanziari differenti

Nella Delibera n. 82 del 23 febbraio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco intende conoscere quale sia la