Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi destinati alle Città metropolitane per l’esercizio delle “funzioni fondamentali”

Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi destinati alle Città metropolitane per l’esercizio delle “funzioni fondamentali”

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha annunciato, con il Comunicato 29 gennaio 2018,che è in corso di adozione il Decreto che dispone il riparto del contributo di 111 milioni di Euro, previsto dall’art. 1, comma 838, della Legge n. 205/17 (c.d. “Legge di bilancio 2018”), per consentire l’esercizio delle “funzioni fondamentali” alle Città metropolitane delle Regioni a Statuto ordinario.

Le singole quote assegnate agli Enti sono state anticipate attraverso l’Allegato “A”, i cui contenuti sono riproposti qui di seguito.

 

Città metropolitane

 

Quote di contributo ex art.

 1, comma 838, della Legge n. 205/2017 attribuite (Euro)

Torino 14.799.008,00
Milano 18.189.516,00
Genova 7.581.596,00
Venezia 5.347.603,00
Bologna 6.902.951,00
Firenze 8.758.036,00
Roma Capitale 22.810.049,00
Napoli 11.810.755,00
Bari 8.496.876,00
Reggio Calabria 6.303.610,00
Totale 111.000.000,00

 

L’intesa sui criteri di ripartizione delle quote per l’esercizio delle “funzioni fondamentali” di cui all’art. 1 della Legge n. 56/14 è stata raggiunta nel corso della seduta del 24 gennaio 2018 della Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali.


Related Articles

Edilizia: al via i moduli unificati per “Cil” e “Cila”, il punto sull’adesione nelle varie Regioni

E’ scaduto l’altro ieri, 16 febbraio 2015, il termine previsto per l’adozione, da parte dei Comuni, dei Moduli unici semplificati

Responsabilità: condanna del Presidente di una Comunità montana per affidamento di incarico con errata tipologia contrattuale

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale centrale d’appello – Sentenza n. 538 del 17 settembre 2014 Oggetto Condanna del Presidente

Ddl. Stabilità: le novità in materia di armonizzazione introdotte nel testo approvato dalla Camera

Tra le numerose modifiche apportate al Disegno di legge della Manovra finanziaria per il 2015, approvato il 30 novembre 2014