Debiti P.A.: definite le modalità per la concessione di anticipazioni agli Enti Locali per il pagamento dei debiti nei confronti delle proprie partecipate

È stato pubblicato sulla G.U. n. 160 del 12 luglio 2014 il Dm. Mef 23 giugno 2014, rubricato “Concessione di anticipazione di liquidità a favore degli Enti Locali per il pagamento dei debiti nei confronti delle proprie partecipate di cui all’art. 31, comma 3 del Dl. n. 66/14”.

Il Decreto dà attuazione a quanto disposto dall’art. 31, comma 1, del Dl. n. 66/14 (c.d. “Decreto Irpef”), secondo il quale, al fine di favorire il pagamento dei debiti da parte delle Società partecipate dagli Enti Locali, è disposto l’incremento, per l’anno 2014, di 2 miliardi di Euro della dotazione della “Sezione per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali” del “Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili” di cui all’art. 1, comma 10, del Dl. n. 35/13.
Come previsto ai sensi del comma 3, del medesimo art. 31, con il Decreto in commento vengono stabiliti criteri, tempi e modalità per l’attribuzione delle risorse in questione agli Enti.
L’art. 1 del Decreto in oggetto definisce che l’incremento della predetta “Sezione per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali” del “Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili” di cui all’art. 1, comma 10, del Dl. n. 35/13, convertito con modificazioni dalla Legge n. 64/13, è pari a Euro 2 miliardi.
L’art. 2 statuisce che, ai sensi dell’art. 31, comma 2, tali risorse finalizzate alla concessione di anticipazioni di liquidità in favore degli Enti Locali per il pagamento dei propri debiti nei confronti delle Società partecipate relativi a:
a) debiti certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2013;
b) debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il 31 dicembre 2013;
c) debiti fuori bilancio che al 31 dicembre 2013 presentavano i requisiti per il riconoscimento, anche se poi riconosciuti in bilancio successivamente, ivi inclusi quelli contenuti nel “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”, di cui all’art. 243-bis del Tuel, approvato con Delibera della Sezione regionale di controllo della Corte dei conti.
L’art. 3 dispone che, sulla base delle disposizioni recate dall’Addendum, da integrarsi mediante un atto aggiuntivo da stipularsi tra il Mef e la Cassa DD.PP. e da uno schema di contratto tipo, approvati con Decreto del Direttore generale del Tesoro, d’intesa con la Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali e pubblicati sui siti internet del Mef e della Cassa DD.PP., sono definiti i criteri e le modalità per l’accesso da parte degli Enti Locali interessati all’incremento della dotazione per l’anno 2014 della “Sezione per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali”, nonché per la restituzione dello stesso.
La domanda di anticipazione da parte degli Enti Locali deve essere presentata, a pena di nullità, entro la data prevista dal predetto atto integrativo dell’Addendum richiamato, unitamente ad una dichiarazione attestante la verifica dei crediti e debiti reciproci nei confronti delle Società partecipate, asseverata dall’Organi di revisione dello stesso Ente e, per la parte di competenza, delle Società partecipate interessate.
Le anticipazioni saranno concesse entro 15 giorni dalla data di presentazione delle domande proporzionalmente e nei limiti del predetto incremento di Euro 2 miliardi per l’anno 2014 della “Sezione per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali”.
Il tasso di interesse da applicare alle anticipazioni è pari al rendimento di mercato dei Bpt a 5 anni in corso di emissione rilevato dal Mef – Dipartimento del Tesoro alla data della pubblicazione del presente Decreto e pubblicato sul sito del medesimo Ministero.
In proposito, si fa presente che il 14 luglio scorso il Mef, con proprio Comunicato-stampa, ha reso noto che il tasso di interesse da applicare sulle anticipazioni di liquidità da erogare per il 2014 agli Enti Locali che ne faranno richiesta, per il pagamento dei propri debiti nei confronti delle Società partecipate (ai sensi del Decreto direttoriale 23 giugno 2014 in commento) è pari all’1,465%.
Qualora non siano corrisposte le rate di ammortamento relative alle anticipazioni concesse, si applicheranno le disposizioni di cui all’art. 1, comma 13, del Dl. n. 35/13.


Tags assigned to this article:
debiti P.A.

Related Articles

Cassa Depositi e Prestiti: termine per le richieste di rimborso e riduzione dei prestiti agli Enti territoriali

La Cassa Depositi e Prestiti Spa, in un Avviso alla clientela pubblicato il 2 novembre 2017 sul proprio sito istituzionale,

Patto di stabilità: obiettivi programmatici e chiarimenti su novità normative

  Il 2 luglio 2015 è stato pubblicato sul Portale istituzionale del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Decreto Mef

Comunicato Fl.: ulteriori chiarimenti sulla certificazione relativa al contributo per la riduzione della spesa pubblica

Con il Comunicato 27 maggio 2014, la Finanza locale ha fornito chiarimenti ulteriori in merito alla certificazione del tempo medio dei pagamenti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.