Acconto Iva 2017: nel caso di un Comune che applica lo “split payment” fin dal 2015 valgono le nuove disposizioni del Dm. 27 giugno 2017?

Acconto Iva 2017: nel caso di un Comune che applica lo “split payment” fin dal 2015 valgono le nuove disposizioni del Dm. 27 giugno 2017?

Il testo del quesito

In vista di una prossima variazione di bilancio, stiamo facendo un calcolo dello stanziamento necessario per il pagamento dell’acconto Iva del 27 dicembre 2017. Rileggendo il Dm. 27 giugno 2017 e la Relazione illustrativa, ci sono però sorti dei dubbi.

L’art. 2, comma 4, del Dm., che prevede per il 2017 il calcolo dell’acconto con il metodo storico tenendo conto dell’ammontare dell’imposta divenuta esigibile nel mese di novembre 2017, fa riferimento ai soggetti di cui all’art. 5, comma 01, cioè coloro che scelgono di versare l’imposta dovuta ai sensi dell’art. 17-ter, senza annotazione della stessa

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Dichiarazione dei sostituti d’imposta: approvati la “CU 2021” e il Modello “770/2021”, con le relative Istruzioni ministeriali

Con 2 Provvedimenti datati 15 gennaio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha approvato la Dichiarazione dei sostituti d’imposta, composta dalla “CU

Obblighi pubblicazione P.A.: Anac annuncia verifiche a partire da febbraio

A partire da febbraio 2017, l’Autorità nazionale Anticorruzione effettuerà i tentativi di accesso automatizzato alle Url comunicate dalle Amministrazioni per

Bilancio di previsione 2014: apportate modifiche alle certificazioni degli Enti sperimentatori

Con il Comunicato 20 novembre 2014 il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha reso noto che sono