Acconto Iva 2017: nel caso di un Comune che applica lo “split payment” fin dal 2015 valgono le nuove disposizioni del Dm. 27 giugno 2017?

Acconto Iva 2017: nel caso di un Comune che applica lo “split payment” fin dal 2015 valgono le nuove disposizioni del Dm. 27 giugno 2017?

Il testo del quesito

In vista di una prossima variazione di bilancio, stiamo facendo un calcolo dello stanziamento necessario per il pagamento dell’acconto Iva del 27 dicembre 2017. Rileggendo il Dm. 27 giugno 2017 e la Relazione illustrativa, ci sono però sorti dei dubbi.

L’art. 2, comma 4, del Dm., che prevede per il 2017 il calcolo dell’acconto con il metodo storico tenendo conto dell’ammontare dell’imposta divenuta esigibile nel mese di novembre 2017, fa riferimento ai soggetti di cui all’art. 5, comma 01, cioè coloro che scelgono di versare l’imposta dovuta ai sensi dell’art. 17-ter, senza annotazione della stessa

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Irregolarità dei conti giudiziali: anticipazione di Tesoreria per importi superiori al limite

Nella Sentenza n. 236 del 4 ottobre 2017 della Corte dei conti Toscana, la Sezione si esprime, nell’ambito di un

Modello “730/2014”: chiarimenti per i sostituti d’imposta

E’ stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la Risoluzione n. 57/E del 30 maggio 2014, che ha chiarito alcuni

Ici: il trattamento impositivo del terreno diventato edificabile e comunicazioni al contribuente

Nell’Ordinanza n. 13482 del 18 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che l’edificabilità di un’area,