Acquisto di autovetture non adibite a servizi istituzionali: possibile a patto che rispetti il tetto di spesa fissato dal Dl. n. 95/12

Acquisto di autovetture non adibite a servizi istituzionali: possibile a patto che rispetti il tetto di spesa fissato dal Dl. n. 95/12

Nella Delibera n. 90 del 26 luglio 2018 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto un parere in ordine alla possibilità di acquisto di autovetture non specificamente adibite a servizi istituzionali. La Sezione rileva che, in ordine all’acquisto di autovetture, esistono 2 tipologie di limiti: il primo afferisce al contenimento della spesa, parametrata ad un dato storico, e trova disciplina nell’art. 6, comma 14, del Dl. n. 78/10, convertito con modificazioni dalla Legge n. 122/10. Il secondo, introdotto con l’art. 1, comma 143, della Legge n. 228/12, prevede un espresso divieto di acquisto, venuto meno al 31 dicembre 2016.

Dunque, nel rispetto del tetto di spesa previsto dal primo limite sopra riportato, sussiste la possibilità di acquisto di autovetture. L’Ente ha la piena facoltà di acquistare autovetture non adibite a servizi istituzionali nel rispetto del tetto di spesa oggi fissato dall’art. 5, comma 2, del Dl. n. 95/12.


Related Articles

Responsabilità erariale: si configura in caso di omissione del versamento del compenso dell’incarico non autorizzato

Nella Sentenza n. 30 del 15 marzo 2017 della Corte dei conti Abruzzo, la questione controversa riguarda la richiesta di

Fondo “Cosme 2014-2020”: contributi per internazionalizzazione cluster

Tipo fondo: Cosme 2014-2020 Beneficiari: cluster e reti di business, pubblici e privati, aventi sedi nell’Ue e nei Paesi che

Segretari: per la Corte Liguria vige il divieto di reformatio in pejus

Nella Delibera n. 52 del 3 ottobre 2014 della Corte dei conti Liguria, un Sindaco chiede un parere in merito

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.