Affidamento “in house”: dimostrazione della reale convenienza rispetto alle condizioni economiche offerte dal mercato

Affidamento “in house”: dimostrazione della reale convenienza rispetto alle condizioni economiche offerte dal mercato

Nella Sentenza n. 742 del 22 marzo 2021 del Tar Lombardia, i Giudici pongono in evidenza quanto stabilito dall’art. 192, comma 2, del Dlgs. n. 50/2016, che prevede, “ai fini dell’affidamento ‘in house’ di un contratto avente ad oggetto servizi disponibili sul mercato in regime di concorrenza, le Stazioni appaltanti effettuano preventivamente la valutazione sulla congruità economica dell’offerta dei soggetti ‘in house’, avuto riguardo all’oggetto e al valore della prestazione, dando conto nella motivazione del provvedimento di affidamento delle ragioni del mancato ricorso al mercato, nonché dei benefici per la collettività della forma di gestione prescelta, anche con riferimento agli obiettivi di universalità e socialità, di efficienza, di economicità e di qualità del servizio, nonché di ottimale impiego delle risorse pubbliche”. Nell’applicare tale norma, l’Amministrazione deve dimostrare la reale convenienza rispetto alle condizioni economiche offerte dal mercato, con un onere motivazionale rafforzato, che consente un penetrante controllo della scelta, sul piano dell’efficienza amministrativa, e del razionale impiego delle risorse pubbliche, al fine di impedire una riduzione della concorrenza, in danno delle imprese e dei cittadini. Dunque, nel caso in esame, non c’è la violazione dell’art. 192 del Dlgs. n. 50/2016 poiché nella Relazione il Comune ha provveduto ad una valutazione della solidità economico finanziaria della Società “in house”, incentrata direttamente sui suoi bilanci, sino all’ultimo approvato disponibile, sulle stime patrimoniali periziate, e sul raffronto tra il corrispettivo dalla stessa indicato ed i costi del medesimo servizio sul mercato alla data della redazione della Relazione, quantificando il risparmio complessivo per il Comune, in caso di gestione attraverso il modello “in house”.


Related Articles

Entrate tributarie: il Mef rilascia i dati per il 2019, il cui gettito si attesta a 471,6 miliardi (+1,7%)

Con il Comunicato-stampa n. 40 del 5 marzo 2020 il Mef ha diffuso i dati Istat sul Pil e su

Copertura a tempo indeterminato di 2 posti part-time: possibile utilizzare i resti assunzionali del triennio precedente

Nella Delibera n. 184 del 11 novembre 2015 della Corte dei conti Molise, un Sindaco ha inviato una richiesta di

Aspettativa per cariche elettive e sindacali: accredito contribuzione figurativa si potrà ottenere solo attraverso procedura telematica

L’Inps ha pubblicato la Circolare n. 153 del 24 ottobre 2017 all’interno della quale vengono illustrate le nuove modalità di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.