Aggiornamento “Def 2016”: riviste al ribasso le stime sulla crescita del Pil

Aggiornamento “Def 2016”: riviste al ribasso le stime sulla crescita del Pil

In occasione delle pubblicazione del “Documento di economia e finanza 2016” (“Def”), lo scorso aprile, il Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva ipotizzato per l’anno corrente una crescita del Pil pari all’1,2%. Il 28 settembre 2016 lo stesso Dicastero ha manifestato minore ottimismo, prevedendo – nella Nota di aggiornamento al “Def 2016” – un rialzo dello 0,8% per il 2016 e dell’1% per il 2017 (contro l’1,4% precedentemente ipotizzato).

Quanto al capitolo deficit, il “Def 2016” aveva stimato un rapporto deficit/Pil pari al 2,3% (-0,3 punti percentuali rispetto al 2015). La stima odierna parla del 2,4% per il 2016 e 2% per il 2017.

Per quanto attiene invece al debito pubblico, nella Nota di aggiornamento si legge che “risentendo della minore intensità della ripresa e della debole dinamica dei prezzi il rapporto debito/Pil si porta al 132,8% nel 2016; comincerà a ridursi a partire dal 2017, per raggiungere il 126,6% nel 2019”.

L’Esecutivo ha confermato la propria intenzione di proseguire con il programma di dismissione del patrimonio immobiliare pubblico e di privatizzazioni, asserendo che quest’anno tale processo è stato frenato dalle “condizioni di elevata volatilità dei mercati finanziari e dall’esigenza di valorizzare adeguatamente le imprese controllate dallo Stato attraverso piani industriali ambiziosi”.

 


Related Articles

Tarsu/Tari: non è consentito alle Regioni, né tanto meno agli Enti Locali, derogare alla disciplina dei Tributi dello Stato

Nella Delibera n. 179 del 26 ottobre 2017 della Corte dei conti Sicilia, viene chiesto un parere sulla possibilità di

“Legge sull’usura”: definiti i tassi per il periodo ottobre-dicembre 2017

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 229 del 30 settembre 2017 il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 25 settembre

Posizioni organizzative: sul conferimento la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 290 dell’11 febbraio 2016 del Tar Puglia, Lecce, i Giudici pugliesi affermano che il conferimento di posizioni