Aire centrale: il Viminale invita i Comuni ad aggiornare i dati in vista del referendum costituzionale

Aire centrale: il Viminale invita i Comuni ad aggiornare i dati in vista del referendum costituzionale

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, con la Circolare n. 5 del 16 maggio 2016, ha invitato i Comuni a trasmettere all’Aire centrale, entro il 14 giugno 2016, i dati relativi ai cittadini italiani residenti all’estero iscritti nella propria Anagrafe.

La richiesta è stata motivata con la necessità di allineare i dati contenuti nell’Aire centrale e quelli registrati negli schedari consolari, al fine di disporre di informazioni aggiornate per la predisposizione delle liste elettorali in vista del referendum costituzionale che dovrebbe portare gli italiani alle urne il prossimo ottobre.

Prima di procedere all’invio, i Comuni devono:

  • accertarsi che i dati in questione siano corretti e completi;
  • procedere tempestivamente alla trattazione delle comunicazioni degli uffici consolari (iscrizione, variazione, cancellazione) per evitare disallineamenti trai dati registrati negli archivi comunali e quelli contenuti negli schedari consolari;
  • cancellare le posizioni doppie e quelle degli ultracentenari per i quali non sia stata fornita la prova di esistenza in vita.

La Circolare enfatizza infine l’assoluta necessità di compilare correttamente, nella trasmissione dei dati richiesti, il campo relativo al diritto di voto (elettore, non iscritto nelle liste elettorali, perdita del diritto di voto).


Related Articles

Piccoli Comuni: Anci, “No alle fusioni obbligatorie ma occorre riforma di sistema”

Non Unioni o fusioni obbligatorie ma un nuovo assetto normativo che dia stabilità e certezza all’associazionismo tra Comuni: questo, in

Concessione di servizi: condizioni per il corretto inquadramento

Nella Delibera dell’Anac n. 1197 del 23 novembre 2016, la questione controversa in esame ha ad oggetto una procedura aperta

Tari: tassazione degli agriturismi

Nella Sentenza n. 22 dell’8 febbraio 2018della Ctp Piacenza, la questione controversa in esame riguarda l’assoggettamento alla Tari degli agriturismi.