Alimentazione della Banca-dati Siope: modificati gli adempimenti a partire dal 1° gennaio 2023

Alimentazione della Banca-dati Siope: modificati gli adempimenti a partire dal 1° gennaio 2023

Sulla G.U. n. 224 del 24 settembre 2022 è stato pubblicato il Decreto 12 settembre 2022 del Ministero dell’Economia e delle finanze, recante “​​Tempi e modalità di alimentazione della banca dati Siope”. 

Il Decreto informa che, a partire dall’esercizio 2023, la Banca-dati Siope sarà alimentata dai dati dell’Infrastruttura “Siope+”. 

A decorrere dal 1° gennaio 2023, infatti, vengono meno gli adempimenti dei Tesorieri e dei Cassieri riguardanti la trasmissione alla Banca-dati Siope degli incassi e di pagamenti codificati relativi agli esercizi 2023 e successivi effettuati attraverso la Rete interbancaria Rni in base alle “Regole di colloquio tra Banche Tesoriere e Banca d’Italia”. 

Fino al 31 dicembre 2023 i Tesorieri e i Cassieri degli Enti soggetti alla rilevazione Siope, esclusi gli Enti di previdenza, continuano a trasmettere a Siope le informazioni codificate degli incassi e dei pagamenti relative agli esercizi 2022 e precedenti. 

Dal 1° gennaio 2023 la codifica gestionale Siope indicata negli ordinativi di incasso e di pagamento può essere modificata esclusivamente attraverso gli ordinativi di variazione trasmessi secondo le modalità previste dalle “Regole tecniche e standard per l’emissione dei documenti informatici relativi alla gestione dei Servizi di Tesoreria e di Cassa degli Enti del Comparto pubblico attraverso il Sistema ‘Siope”, emanate dall’Agenzia per l’Italia digitale.

Fino al 31 dicembre 2023, gli aggiornamenti delle anagrafiche Siope relative ai “Codici Enti” e ai “Codici gestionali” saranno trasmesse a Tesorieri e Cassieri attraverso la Rete interbancaria Rni.


Related Articles

Gare e appalti: Anac spinge alla Digitalizzazione e alla Semplificazione per le Stazioni appaltanti 

In data 21 aprile 2022, è stata pubblicata da Anac una comunicazione relativa alla digitalizzazione e alla semplificazione delle Gare

“Art-Bonus”: agevolazione fiscale a sostegno delle erogazioni liberali destinate al patrimonio culturale pubblico

L’Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n. 87/E del 15 ottobre 2015, fornisce chiarimenti in merito all’ambito oggettivo di applicazione del

Costi della manodopera: devono essere necessariamente indicati nell’offerta economica

Nella Delibera n. 227 del 16 marzo 2021 dell’Anac, una Società, qualificatasi seconda nella graduatoria in una procedura negoziata ai

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.