Anac: inconferibile l’incarico di Presidente del CdA di un’Azienda pubblica all’Amministratore delegato di una Società pubblica operante nello stesso Settore

Anac: inconferibile l’incarico di Presidente del CdA di un’Azienda pubblica all’Amministratore delegato di una Società pubblica operante nello stesso Settore

Inconferibile l’incarico di Presidente del Cda di un’Azienda a partecipazione totalmente pubblica che gestisce la raccolta e gestione dei rifiuti se questi è al contempo anche Amministratore delegato di un’altra Società pubblica che opera nello stesso Settore. Questo il Principio stabilito dall’Autorità nazionale Anticorruzione con la Delibera n. 296 del 21 giugno 2022, che precisa che, ove questo dovesse verificarsi, la conseguenza sarebbe l’immediata decadenza del Presidente dall’incarico.

Il caso su cui si è espressa l’Anac riguarda un importante raggruppamento di Comuni dell’Alta Toscana. Sebbene l’Ente in questione abbia fatto appello al fatto che l’incarico del Presidente sarebbe stato conferito “senza deleghe gestionali”, l’Anac ha fatto presente che i poteri attribuiti al Presidente riguardavano invece poteri interpretabili come deleghe operative di grande rilevanza: acquisti, permute, transazioni, alienazioni mobiliari e immobiliari, ed altri poteri di amministrazione e gestione. Pertanto, questo è da considerarsi a tutti gli effetti Amministratore di Ente privato in controllo pubblico. La legge stabilisce l’inconferibilità di tale incarico “se la medesima persona è già Amministratore delegato di altra Società pubblica, partecipata da altri Comuni, per svolgere lo stesso ruolo”. Tale decisione, secondo quanto descritto nella Delibera, è motivata anche dal fatto che viene considerato che entrambi i Consorzi di raccolta e gestione dei rifiuti operano in un’area di prossimità, all’interno dello stesso territorio e della stessa Regione.


Related Articles

Affidamento “in house providing” della gestione della Farmacia comunale

Consiglio di Stato, Sezione III, Sentenza 3 marzo 2020 n. 1564 Sulla legittimità dell’affidamento “in house providing” della gestione della

“Canone Rai”: istituiti i codici-tributo per il pagamento in caso di impossibilità di addebito in bolletta

Facendo seguito alla pubblicazione del Dm. Mise 13 maggio 2016, n. 94, che ha dettato le specifiche tecniche ai fini

Società a partecipazione pubblica: le principali differenze del Testo Unico approvato in primo e secondo esame preliminare dal Consiglio dei Ministri

Lo Schema di Decreto legislativo recante il “Testo Unico in materia di Società a partecipazione pubblica” (“Testo unico”), così come

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.