Anac: l’uso del “Fascicolo virtuale dell’Operatore economico” sarà obbligatorio dal 9 novembre 2022 per le gare di appalto

Anac: l’uso del “Fascicolo virtuale dell’Operatore economico” sarà obbligatorio dal 9 novembre 2022 per le gare di appalto

Con la Notizia pubblicata sul proprio sito il 27 ottobre 2022, Anac ha comunicato che presso la propria Banca-dati è operativo il “Fascicolo virtuale dell’Operatore economico” (“Fvoe”), che consentirà alle Stazioni appaltanti, attraverso un’interfaccia web, di verificare i requisiti di partecipazione agli Appalti pubblici. Il 24 ottobre 2022 il Provvedimento dell’Autorità è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale; quindi, l’uso del “Fvoe” dal 9 novembre 2022 sarà obbligatorio per partecipare alle gare di appalto.

Rispetto al precedente Sistema Avcpass, non più attivo, saranno introdotte una serie di novità. In particolare, la verifica dei requisiti non si fermerà alla fase di aggiudicazione, ma sarà estesa alla fase di esecuzione e dunque al mantenimento dei requisiti da parte di chi si è aggiudicato la gara e di eventuali subappaltatori. Inoltre, il “Fascicolo” verrà utilizzato per tutte le procedure di affidamento, e sarà istituito l’Elenco degli Operatori economici già verificati attraverso cui una Stazione appaltante che sta aggiudicando una gara può osservare se un determinato Operatore economico risulta già stato verificato in una precedente gara.

Il Presidente di Anac, Giuseppe Busia, ha commentato: “l’eliminazione di adempimenti formali a carico di Stazioni appaltanti e Operatori economici è determinante per ridurre tempi e costi e imprimere una accelerazione alle procedure di gara. Il ‘Fascicolo digitale’ consentirà alle Stazioni appaltanti di utilizzare gli accertamenti già effettuati da un’altra Stazione appaltante per ammettere l’Operatore economico alla gara, velocizzando l’attività di verifica dei requisiti generali (‘white list’). Inoltre, gli Operatori economici vedranno ridotti notevolmente gli oneri di riprodurre per ogni procedura di gara le certificazioni a comprova dei requisiti posseduti. Agli Operatori economici non viene più imposto l’onere di produrre per ogni gara cui intendono partecipare la medesima documentazione, peraltro già nella disponibilità dell’Amministrazione. L’obiettivo – ha aggiunto Busia – è quello di rendere quasi automatizzata la verifica dei requisiti, permettendo alle Stazioni appaltanti e alle Imprese di concentrarsi sulla strategia di acquisto invece che sulle procedure e sugli aspetti formali”.

Il “Fvoe” contiene tutti i dati per la partecipazione alle gare per cui è obbligatoria la verifica attraverso la Banca-dati Anac sull’assenza di motivi di esclusione in base al “Codice dei Contratti”.

Mediante il “Fascicolo” sono effettuati:

  • la verifica dell’assenza dei motivi di esclusione e del possesso dei requisiti per la partecipazione alle procedure di affidamento disciplinate dal “Codice dei Contratti pubblici”. Per le procedure di importo inferiore a Euro 40.000, l’utilizzo del Sistema è facoltativo, previa acquisizione di un Cig ordinario;
  • il controllo della dichiarazione del subappaltatore attestante l’assenza dei motivi di esclusione di cui all’art. 80 e il possesso dei requisiti speciali di cui agli artt. 83 e 84 del “Codice”;
  • il controllo del possesso dei requisiti di selezione e dell’assenza dei motivi di esclusione ai sensi dell’art. 80 in capo ai soggetti ausiliari;
  • il controllo in fase di esecuzione del contratto della permanenza dei requisiti.

Il “Fvoe” consente:

  1. alle Stazioni appaltanti l’acquisizione delle certificazioni comprovanti il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario per l’affidamento dei Contratti pubblici;
  2. agli Operatori economici l’inserimento nel “Fascicolo” dei dati e delle certificazioni comprovanti il possesso dei requisiti speciali la cui produzione è a loro carico;
  3. il riuso dei documenti presenti nel “Fvoe” per la partecipazione a più procedure di affidamento, nei termini di validità temporale degli stessi;
  4. il riuso da parte delle Stazioni appaltanti dell’esito delle verifiche effettuate sul possesso dei requisiti per la partecipazione ad altre procedure di affidamento e l’accesso ai documenti a comprova, nel limite di validità temporale di cui sopra.

Per utilizzare il “Fascicolo”:

  1. la Stazione appaltante/Ente aggiudicatore, tramite il Responsabile del Procedimento abilitato, acquisisce il Cig per ciascuna procedura di affidamento, indicando il soggetto abilitato alla verifica dei requisiti;
  2. l’Operatore economico, dopo la registrazione al Servizio “Fvoe”, indica al Sistema il Cig a procedura di affidamento cui intende partecipare. Il Sistema rilascia un “Passoe” (Documento che attesta che l’Operatore può essere verificato tramite il “Fascicolo virtuale”) da inserire nella busta contenente la documentazione amministrativa. Il mancato inserimento del “Passoe” nella busta contenente la documentazione amministrativa dà luogo all’attivazione della procedura di “soccorso istruttorio” di cui all’art. 83, comma 9, del “Codice”, da parte della Stazione appaltante, con conseguente esclusione dalla gara in caso di mancata regolarizzazione nel termine assegnato;
  3. in caso di ricorso all’avvalimento ex art. 89 del “Codice”, l’Impresa ausiliaria acquisisce il “Passoe” che è incluso nel documento di partecipazione da parte dell’Operatore economico.

La documentazione e/o i dati a comprova del possesso dei requisiti di carattere generale che, in prima applicazione, sono messi a disposizione mediante adeguati Sistemi di cooperazione applicativa dagli Enti certificanti, attraverso il “Fvoe” sono i seguenti:

  • Visura Registro delle Imprese fornita da Unioncamere;
  • Certificato del Casellario giudiziale integrale fornito dal Ministero della Giustizia;
  • Anagrafe delle sanzioni amministrative – selettivo ex art. 39 del Dpr. n. 313/2002 dell’Impresa, fornita dal Ministero della Giustizia;
  • Certificato di regolarità contributiva di Ingegneri, Architetti e Studi associati, fornito dalla Cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli Ingegneri ed Architetti liberi professionisti (Inarcassa);
  • Comunicazione di regolarità fiscale fornita dall’Agenzia delle Entrate;
  • Comunicazione Antimafia fornita dal Ministero dell’Interno.

Le annotazioni nel Casellario informatico dei Contratti pubblici sono rese disponibili dall’Autorità nell’ambito del “Fvoe”.

La documentazione e/o i dati a comprova del possesso dei requisiti di carattere tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, che, in prima applicazione, sono acquisiti presso la Banca-dati Anac e resi disponibili attraverso il Sistema includono:

  • documenti e/o dati forniti dagli Enti certificanti;
  • documenti resi disponibili direttamente dalla stessa Autorità;
  • documenti forniti dagli Operatori economici.

La documentazione e/o i dati a comprova dei requisiti di carattere tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, in prima applicazione, includono:

  • fatturato globale e ammortamenti degli operatori economici costituiti in forma d’impresa individuale ovvero società di persone, ove disponibili, forniti da parte dell’Agenzia delle Entrate;
  • dati relativi alla consistenza e al costo del personale dipendente, forniti da parte dell’Inps.

La documentazione a comprova dei requisiti di carattere tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, in prima applicazione, include:

  • le Attestazioni Soa;
  • i Certificati esecuzione lavori (Cel).
  • le ricevute di pagamento del contributo obbligatorio all’Autorità da parte dei soggetti partecipanti.

Per tutti i dettagli, si rimanda alla Notizia pubblicata sul sito di Anac.


Related Articles

Consenso per utilizzo dati personali: con una sanzione il Garante ricorda che è sempre necessario ottenerlo anche se per divulgazione scientifica

È sempre necessario richiedere il consenso per il trattamento di informazioni e dati personali che fanno riferimento alla salute di

Appalti: la previa fissazione dei criteri di valutazione è un principio applicabile a tutte le tipologie di gara

La riconducibilità di un appalto ai Settori “esclusi” di cui all’Allegato II-B del “Codice dei Contratti” non fa venir meno

“Pnrr”: nuovi servizi Inps per i pagamenti tramite AppIO

Come si apprende dal Messaggio n. 2555 del 24 giugno 2022 del Direttore generale dell’Inps riguardo al Servizio di pagamento

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.