Anomalia dell’offerta: la motivazione del giudizio negativo deve essere rigorosa ed analitica

Anomalia dell’offerta: la motivazione del giudizio negativo  deve essere rigorosa ed analitica

Nella Sentenza n. 974 del 10 giugno 2019 del Tar Lecce, i Giudici chiariscono che, in sede di verifica delle offerte anomale, la motivazione del relativo giudizio deve essere rigorosa ed analitica in caso di giudizio negativo, mentre in caso di giudizio positivo, ovvero di valutazione di congruità dell’offerta anomala, non occorre che la relativa determinazione sia fondata su un’articolata motivazione ripetitiva delle medesime giustificazioni ritenute accettabili o espressiva di ulteriori apprezzamenti.

Nel caso di specie, i Giudici reputano che la valutazione dell’Amministrazione, secondo cui l’offerta della ricorrente non garantirebbe “[…] la necessaria sostenibilità e affidabilità per l’esecuzione del contratto nella sua complessità”, non soddisfi il prescritto obbligo motivazionale.


Related Articles

E-fattura: disciplinate dall’Agenzia delle Entrate le modalità di conferimento delle deleghe agli Intermediari abilitati

In considerazione di quanto previsto dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 30 aprile 2018 in merito alla possibilità che

Casellario centrale: pubblicato un Avviso rivolto ai Comuni

  Il Ministero della Giustizia – Dipartimento per gli Affari di giustizia, il 7 luglio 2015 ha diffuso sul proprio

Trattamento accessorio del personale: rientrano nei limiti anche le eventuali entrate ulteriori rispetto ai “Fondi delle risorse decentrate”

Nella Delibera n. 294 del 2 novembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.