Anticorruzione: Ministero dell’Interno e Anac danno il via libera alle seconde “Linee guida” per le Prefetture

Anticorruzione: Ministero dell’Interno e Anac danno il via libera alle seconde “Linee guida” per le Prefetture

Facendo seguito al Protocollo d’intesa firmato nel luglio 2014, il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, e il Presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno adottato le seconde “Linee guida” con gli indirizzi operativi per le Prefetture sulle misure straordinarie Anticorruzione e Antimafia negli appalti pubblici.

Il Documento fornisce ai Prefetti delle Province italiane indicazioni per l’applicazione delle misure straordinarie di gestione, sostegno e monitoraggio di imprese nell’ambito della prevenzione Anticorruzione e Antimafia, previste dall’art. 32 del Dl. n. 90/14.

Le indicazioni integrano quanto sancito con le prime Linee guida” firmate il 15 luglio 2014 insieme al Protocollo d’intesa tra Mininterno e Anac.

L’obiettivo – scrive il Dicastero in una Nota diffusa il 28 gennaio 2015 – è quello di coniugare l’esigenza di salvaguardare l’occupazione e proseguire la realizzazione delle opere pubbliche con quella di prevenire e combattere la ‘mala amministrazione’ e i tentativi di infiltrazione mafiosa nell’economia legale, con le Prefetture nel ruolo di terminale territoriale delle politiche nazionali”.

 


Tags assigned to this article:
anacAnticorruzioneInterno

Related Articles

Affidamenti “in house”: il Consiglio di Stato interviene sulla loro legittimità per i servizi strumentali

Il Consiglio di Stato (Sezione III), con la Sentenza n. 02291/2015, ha annullato il provvedimento con cui una Azienda sanitaria

Malfunzionamento Piattaforma “Mepa”: giusta la riapertura dei termini per l’invio dell’offerta

Nella Sentenza n. 643 del 13 aprile 2018 del Tar Puglia, una stazione appaltante aveva indetto una procedura di gara,

Sosta camper sul territorio comunale: non puó essere disciplinata da un’Ordinanza contingibile del Sindaco

Nella Sentenza n. 576 del 13 aprile 2015 del Tar Toscana, un Sindaco con Ordinanza ha istituito un divieto di