“App Immuni”: attiva in tutta Italia, dopo la fase sperimentale

“App Immuni”: attiva in tutta Italia, dopo la fase sperimentale

La tanto discussa applicazione per il tracciamento dei contatti con persone contagiate per monitorare la pandemia “Covid-19”, cd. “App Immuni”, è attiva su tutto il territorio nazionale dal 15 giugno 2020.

Disponibile negli store digitali dal 1° giugno 2020, l’applicazione per il tracciamento dei contatti con persone contagiate dal “Covid-19” è stata scaricata finora da 2,2 milioni di persone. Dopo la sperimentazione, partita l’8 giugno in Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia, ora l’abilitazione avverrà anche nelle restanti Regioni italiane.

La “App Immuni” funziona su smartphone Android e iOS (iPhone) con sistemi operativi aggiornati e l’uso è stato esteso ad alcuni dispositivi che erano rimasti fuori, come Huawei che ha rilasciato la sua versione per il contact tracing. Una volta scaricata, l’app richiede una serie di passaggi per acquisire le informazioni di base sull’utente: dall’età (la minima consentita è 14 anni) al consenso per la privacy, quindi l’abilitazione delle notifiche per poter ricevere l’alert e la Provincia di appartenenza.

I telefoni fanno un match dei codici in automatico e viene inviata la notifica agli utenti con i quali il caso positivo sia stato a stretto contatto. Per essere registrato l’incontro deve durare almeno 5 minuti e fino a un massimo di 30 minuti (a meno di 2 metri). I dati raccolti sono conservati per 14 giorni sui singoli dispositivi e non su un server centrale.

Nel ribadire l’avvio dell’App esteso in tutto il Paese, il Premier Giuseppe Conte, rivolgendosi direttamente ai cittadini, nel corso della Conferenza-stampa post Consiglio dei Ministri dell’11 giugno 2020, ha dichiarato: “La potete scaricare con sicurezza, serenità e tranquillità, perché tutela la privacy, ha una disciplina molto rigorosa, non invade gli spazi privati”.

L’efficacia del monitoraggio dipenderà soprattutto dal bacino di utenza. In proposito Domenico Arcuri, Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica “Covid-19”, ha dichiarato che “dal 15 giugno ci sarà una massiccia campagna di comunicazione. Voglio ribadire che [la app] è anonima e resterà tale fino alla fine del suo uso e che è una componente fondamentale nella strategia del contenimento della pandemia nel proprio Paese. Abbiamo voluto e dovuto ottemperare alle esigenze di privacy e abbiamo impiegato il minimo del tempo”.


Related Articles

Assegni per il nucleo familiare: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione nel periodo 1° luglio 2019-30 giugno 2020

E’ stata pubblicata sul sito istituzionale del Mef-Ragioneria generale dello Stato la Circolare n. 19, Prot. n. 158712 dell’11 giugno

Tosap: Società che occupa suolo pubblico con cavi e condutture, in virtù di affitto di ramo di azienda, è soggetto passivo

Nell’Ordinanza n. 21907 del 28 settembre 2017 della Corte di Cassazione, oggetto della controversia è l’occupazione da parte di una

Lavoro occasionale accessorio: convertito in Legge in Dl. che ha abolito l’uso dei “voucher”

E’ stato convertito, senza modificazioni, dalla Legge 20 aprile 2017, n. 25, il Dl. 17 marzo 2017, n. 25, che

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.