Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Le dichiarazioni in ordine ai requisiti di moralità professionale di cui all’art. 38 del Dlgs. n. 163/06 ricomprendono anche – cfr. lett. f) – le eventuali risoluzioni in danno subite dall’impresa da parte di altre Amministrazioni.

Nel corso di un appalto, infatti, ben può l’Ente, rilevati gravi inadempimenti da parte dell’appaltatore, procedere alla risoluzione del contratto in essere: tale evenienza rileva, nel “curriculum” dell’Impresa, come causa certamente ostativa alle future contrattazioni con il medesimo Ente, ed anche come causa solo potenzialmente impeditiva per le contrattazioni con altri Enti; stante tale potenzialità, quindi, ciascuna Impresa partecipante alla procedura di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Tags assigned to this article:
appaltocontrattigaraimpresarisoluzione

Related Articles

“Centrali acquisto”: la Conferenza delle Regioni approva una Guida sulle norme in materia di aggregazione della domanda

Nel corso della seduta del 19 febbraio 2015, la Conferenza delle Regioni ha approvato un documento elaborato dall’Istituto per l’innovazione

E-fatture: prorogato al 31 dicembre 2021 il termine per aderire al Servizio di consultazione

L’Agenzia delle Entrate, con il Comunicato-stampa 3 novembre 2021, ha reso noto che ci sarà più tempo per aderire al

Contratto collettivo: la scelta di un concorrente di aderirvi non può essere imposta dalla “lex specialis”

Nelle Sentenza n. 45 del 13 gennaio 2017 del Tar Lombardia, una Fondazione ha indetto una gara d’appalto per l’affidamento