Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Le dichiarazioni in ordine ai requisiti di moralità professionale di cui all’art. 38 del Dlgs. n. 163/06 ricomprendono anche – cfr. lett. f) – le eventuali risoluzioni in danno subite dall’impresa da parte di altre Amministrazioni.

Nel corso di un appalto, infatti, ben può l’Ente, rilevati gravi inadempimenti da parte dell’appaltatore, procedere alla risoluzione del contratto in essere: tale evenienza rileva, nel “curriculum” dell’Impresa, come causa certamente ostativa alle future contrattazioni con il medesimo Ente, ed anche come causa solo potenzialmente impeditiva per le contrattazioni con altri Enti; stante tale potenzialità, quindi, ciascuna Impresa partecipante alla procedura di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Tags assigned to this article:
appaltocontrattigaraimpresarisoluzione

Related Articles

Riaccertamento straordinario: grave l’irregolarità contabile costituita dalla reimputazione di tutti i residui al solo esercizio 2016

Nella Delibera n. 8 del 2 febbraio 2016 della Corte dei conti Liguria, un Comune ha approvato il prospetto di

Affidamento gestione Impianti sportivi: necessario un confronto concorrenziale

Nella Delibera n. 713 del 28 giugno 2016, l’Anac ritiene non conforme all’art. 30 del Dlgs. n. 163/06 la procedura

Commercio ambulante sulle spiagge: per la Corte Costituzionale la competenza sulle limitazioni per il suo esercizio è dello Stato

Corte Costituzionale, Sentenza n. 49 del 14 marzo 2014 di Carolina Vallini   A seguito dei ricorsi presentati dal Presidente