Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Le dichiarazioni in ordine ai requisiti di moralità professionale di cui all’art. 38 del Dlgs. n. 163/06 ricomprendono anche – cfr. lett. f) – le eventuali risoluzioni in danno subite dall’impresa da parte di altre Amministrazioni.

Nel corso di un appalto, infatti, ben può l’Ente, rilevati gravi inadempimenti da parte dell’appaltatore, procedere alla risoluzione del contratto in essere: tale evenienza rileva, nel “curriculum” dell’Impresa, come causa certamente ostativa alle future contrattazioni con il medesimo Ente, ed anche come causa solo potenzialmente impeditiva per le contrattazioni con altri Enti; stante tale potenzialità, quindi, ciascuna Impresa partecipante alla procedura di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Tags assigned to this article:
appaltocontrattigaraimpresarisoluzione

Related Articles

Appalti: se manca l’indicazione degli oneri di sicurezza non c’è l’esclusione automatica

La Sentenza n. 1624 del 6 ottobre scorso del Tar Calabria si è espressa sull’affidamento di un appalto collegato all’indicazione

“730 precompilato”: l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla Dichiarazione

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Servizi ai contribuenti, ha fornito, con la Circolare n. 11/E del 23 marzo 2015,

Indagine su nomina di una Dirigente comunale: illegittima la mancata risposta alla richiesta di accesso agli atti della dipendente in questione

Nella Sentenza n. 1409 del 22 giugno 2017 del Tar Lombardia, una ex dipendente comunale ha proposto ricorso contro la