Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Le dichiarazioni in ordine ai requisiti di moralità professionale di cui all’art. 38 del Dlgs. n. 163/06 ricomprendono anche – cfr. lett. f) – le eventuali risoluzioni in danno subite dall’impresa da parte di altre Amministrazioni.

Nel corso di un appalto, infatti, ben può l’Ente, rilevati gravi inadempimenti da parte dell’appaltatore, procedere alla risoluzione del contratto in essere: tale evenienza rileva, nel “curriculum” dell’Impresa, come causa certamente ostativa alle future contrattazioni con il medesimo Ente, ed anche come causa solo potenzialmente impeditiva per le contrattazioni con altri Enti; stante tale potenzialità, quindi, ciascuna Impresa partecipante alla procedura di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Tags assigned to this article:
appaltocontrattigaraimpresarisoluzione

Related Articles

Comando: la relativa spesa va contabilizzata unicamente da parte dell’Ente utilizzatore e non dall’Ente cedente

Corte dei conti Piemonte, Delibera n. 149 del 30 settembre 2015 Nella fattispecie in esame il primo quesito formulato dal

Appalti pubblici: Cantone, “No all’idea che gli appalti si possano fare solo con il ‘bollino’ dell’Anac”

“Ci si è mossi rispetto alle centinaia di quesiti, richieste di chiarimento o collaborazione che vengono formulate soprattutto sulla materia

Diritti di rogito: modalità di riparto in caso di partecipazione di diversi Segretari all’attività rogante

  Nella Delibera n. 52 del 13 luglio 2015 della Corte dei conti Sardegna, un Sindaco ha chiesto un parere