Appalti: disciplina sull’informativa prefettizia antimafia

Appalti: disciplina sull’informativa prefettizia antimafia

Nella Sentenza n. 3539 del 15 luglio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici rilevano che la disciplina in tema di informativa prefettizia esprime la ratio di anticipare la soglia di difesa sociale ai fini di una tutela avanzata nel campo del contrasto della criminalità organizzata, prescindendo dal livello di rilevanze probatorie tipiche del diritto penale, per cercare di cogliere l’affidabilità complessivamente intesa dell’impresa affidataria di lavori servizi pubblici o destinataria di ogni altra risorsa. Pertanto, le cautele antimafia non obbediscono, a finalità di accertamento di responsabilità, bensì di massima anticipazione dell’azione di prevenzione, rispetto alla quale sono per legge

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Risarcimento danni: mancato esercizio dell’attività amministrativa obbligatoria

Nella Sentenza n. 6755 del 2 novembre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che l’ingiustizia del danno e,

Spesa per assunzioni “Bonus 110%”: per la parte finanziata derogano al limite ex art. 9, comma 28 Dl. n. 78/2010

Nella Delibera n. 105 del 15 aprile 2021 della Corte dei conti Veneto, un Comune ha chiesto un parere in

Trattamento accessorio Regioni-Città metropolitane: pubblicato il Decreto per l’incremento dei fondi in via sperimentale

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 103 del 4 maggio 2019 il Dpcm. 8 marzo 2019, recante “Disposizioni, in via