Appalti: inquadramento di un’opera di demolizione in ambito marittimo

Appalti: inquadramento di un’opera di demolizione in ambito marittimo

Il Tar Campania, con la Sentenza n. 5696 del 5 novembre 2014, afferma la legittimità del provvedimento di una stazione appaltante che ha richiesto per la partecipazione alla procedura negoziata per l’affidamento, mediante cottimo fiduciario, dei lavori per la demolizione di una barca porta, la qualificazione “Soa os23”. Pertanto non è illegittimo il provvedimento del commissario straordinario dell’autorità portuale che ha deliberato di approvare l’elenco delle imprese in possesso della categoria “Soaos 23” (comprendente la demolizione di opere in generale) da invitare a una procedura negoziata per l’affidamento, mediante cottimo fiduciario, di cui all’art. 125, comma 8 del “Codice dei contratti pubblici”, dei lavori per la demolizione di una barca porta. Infatti, sebbene la barca porta sia un galleggiante, costituito da strutture in acciaio al carbonio, destinata ad essere posta a chiusura di un bacino marittimo, costruita in modo da poter galleggiare o affondare in funzione della apertura o chiusura del bacino, al fine di valutare la legittimità del requisito di qualificazione richiesto deve essere considerato, in concreto, il tipo di lavoro oggetto dell’appalto. In pratica, all’impresa affidataria del lavoro è richiesto di demolire un manufatto composto da parti metalliche e da una zavorra in calcestruzzo. Si tratta di una operazione ben diversa dalla demolizione di una vera e propria nave. Dunque non è pertinente il parere dell’Autorità di vigilanza dei contratti pubblici con il quale è stato sostenuto che la demolizione di una nave non può essere ricondotta ai lavori per cui è richiesta la qualificazione “Soaos 23”. Pertanto è corretta la valutazione della Stazione appaltante di non richiedere, quale requisito di partecipazione, il possesso della qualificazione “Soaog 7”, riferita alle opere marittime e ai lavori di dragaggio, dovendosi ritenere che oggetto dell’appalto sia, piuttosto che un’opera marittima, una demolizione di opera, agevolmente riconducibile alla categoria specialistica “Os 23”.


Tags assigned to this article:
appaltibarcademolizione

Related Articles

Protezione civile: in G.U. l’Ordinanza per il superamento della situazione di criticità nel territorio della costa tirrenica calabrese

Come si apprende dalla G.U. n. 118 del 21 maggio 2022, è stata pubblicata l’Ordinanza n. 891 del 6 maggio

Trasformazione del rapporto di lavoro da part-time a tempo pieno: incidenza sulle capacità assunzionali

Nella Delibera n. 62 del 31 ottobre 2019 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco ha chiesto se la trasformazione

“Collegato ambientale”: in vigore da domani le novità in materia di appalti e gestione dei rifiuti

Sostenibilità, energia pulita, appalti “green” e riciclaggio: sono le “parole d’ordine” della Legge 28 dicembre 2015, n. 221, pubblicata sulla