Appalti: la ripubblicazione integrale degli atti contenenti la disciplina di gara rinnova i termini per l’impugnazione

Appalti: la ripubblicazione integrale degli atti contenenti la disciplina di gara rinnova i termini per l’impugnazione

Nella Sentenza n. 1958 del 10 settembre 2019 del Tar Lombardia, i Giudici chiariscono che la ripubblicazione integrale degli atti contenenti la disciplina di gara e non solamente delle parti modificate determina un effetto sostitutivo dei nuovi atti ai corrispondenti adottati in precedenza. Al contempo, la riapertura dei termini per la presentazione dell’offerta rinnova l’interesse del potenziale concorrente a censurare la lex specialis nella sua interezza. Ne consegue che il termine decadenziale per impugnare i nuovi atti contenenti la disciplina di gara, anche nella parte non oggetto di modifica, ha ripreso a decorrere dalla pubblicazione degli stessi.


Related Articles

Contenzioso: la notifica è giuridicamente inesistente se la relata è in bianco

Nella Sentenza n. 531/01/14 del 2 ottobre 2014 della Ctp Parma, i Giudici affermano che ai fini della validità della

Impegno di spesa: il Parere della Corte dei conti Lazio sulla corretta interpretazione dell’art. 183 del Tuel

Nella Delibera n. 8 del 29 marzo 2018 della Corte dei conti Lazio, viene chiesto un parere in merito alla

Clausole del bando di gara: casi di immediata impugnabilità

Nella Sentenza n. 585 del 28 maggio 2018 del Tar Veneto, la questione controversa riguarda l’impugnabilità delle clausole del bando

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.