Appalti pubblici: Anac conferma la vigenza delle procedure semplificate per i casi di estrema urgenza

Appalti pubblici: Anac conferma la vigenza delle procedure semplificate per i casi di estrema urgenza

Sono ancora vigenti le procedure semplificate per l’affidamento dei lavori di importo inferiore alla soglia comunitaria, introdotte dall’art. 9 del Dl. n. 133/2014 (c.d. “Decreto Sblocca Italia”).

A precisarlo – rispondendo così a un quesito posto dal Responsabile della Struttura di missione contro il dissesto idrogeologico, Mauro Grassi, e dal Coordinatore della Struttura di missione per l’edilizia scolastica, Laura Galimberti (facenti entrambe capo a Palazzo Chigi) – è stata l’Autorità nazionale Anticorruzione con la Nota 19 settembre 2016.

In particolare, il quesito era volto a capire se l’entrata in vigore del nuovo “Codice dei Contratti”, di cui al Dlgs. n. 50/2016, avesse prodotto delle modifiche alle disposizioni in questione che prevedono appunto meccanismi di semplificazione amministrativa e accelerazione per gli affidamenti dei lavori di importo compreso fino alla soglia comunitaria, per interventi di estrema urgenza in materia di vincolo idrogeologico, normativa antisismica e messa in sicurezza degli edifici scolastici.

L’Anac – dopo aver ricordato alcune specificità delle procedure in questione (ivi compreso il fatto che le stesse sono sottoposte ad attente verifiche da parte dell’Autorità stessa) – ha confermato che la disciplina citata “risulta ancora vigente e coniuga, alle esigenze di celerità, i principi cardine della normativa sui contratti pubblici prevedendo comunque, nonostante il carattere di estrema urgenza, i principi cardine della normativa sui contratti pubblici, una forma semplificata di procedura competitiva”.


Related Articles

“Legge di stabilità 2016”: la Commissione europea promuove la Manovra “con riserva” e riesaminerà i conti a primavera

Promossi all’esame di autunno ma per la valutazione definitiva occorrerà aspettare la primavera del 2016, quando la Commissione europea riesaminerà

“Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”: le nuove “Linee guida” della Corte dei conti

La Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, ha emanato la Deliberazione n. 5/Sezaut/2018/Inpr del 10 aprile 2018, pubblicata sulla

Canone Rai: non trovano applicazione le normative sulla fattura elettronica e sullo “split payment“ per il pagamento dei canoni speciali

Con una Comunicazione diffusa nei giorni scorsi ad alcuni Comuni che avevano presentato apposita richiesta, la Rai ha reso nota